Google+

Politica & Società- Il territorio siracusano senza futuro e il rischio del peggio nell’angoscia senza fine.

 

VIA SVIZZERA IL LAGO SIRACUSANO

 

Piove, ma è normale nel mese di settembre; quello che non è nella logica dell’amministrazione di una città è l’abbandono. Questo è il segno della speculazione edilizia, della corruzione ad ogni costo. Da oltre dieci anni la via Svizzera è una ricettore finale delle acque piovane; a niente sono valse le proteste degli abitanti. Pensate che in quel punto critico insiste, al piano terra dello sfortunato palazzo che vedete nel video, una scuola per l’infanzia pubblica si badi bene, che il Comune di Siracusa ha ricevuti in cambio della licenza per la costruzione di quel palazzo che ha creato mille difficolta. In pratica, c’è una diga formata dal muro di confine della scuola in fondo alla strada. Orbene, nessuno riesce a risolvere quel problema. Ma siamo a Siracusa dove tutto è possibile. Siamo nella terra della mafia politica, delle grande truffe, dei grandi segreti. Guarda caso con tanti posti dove si ruba e si traffica, il Sistema Siracusa nasce proprio qui.
Il territorio siracusano, un tempo nobile, ricco, potente, con una diffusa struggente bellezza naturale, carico di cultura, è diventato negli ultimi decenni un luogo d’afflizione, mentre dovrebbe essere un Eldorado, un Eden. Abbiamo un mare da sogno, il sole tutto l’anno, le campagne fertile per un’agricoltura di primo livello, al centro del Mediterraneo, siamo nella terra di Archimede, potremmo vivere agiatamente, da favola. Di contro ci aspetta un destino tragico e un futuro che rischia di essere la misura del peggio senza fine. La politica è stata sempre maligna con il popolo di questo territorio che allarga le braccia spesso alla rassegnazione, in una decadenza difficile da fermare, mentre la ricchezza è una chimera, inaccessibile e lo sfondo appare sempre peggio del giorno prima.
Finiti i tempi del traccheggio, dei connubi collettivi, della tangente istituzionale, quando la casta politica dei partiti dell’ammucchiata, solo qualche partito era escluso, si divideva ad ogni opera finanziata la tangente che andava dal 10% al 20% – non tutti per la verità, come qualcuno chiosa; e secondo un calcolo veloce con la media di circa 400 miliardi l’anno di finanziamenti pubblici, ecco chi si è arricchito alle spalle del popolo: stipendi da favola, tangente sicura, per finire con un vitalizio da nababbo. E se allora, prima di “Mani Pulite”, la tangente era divisa in proporzione al risultato elettorale, ora, secondo i dati della magistratura requirente, tutto avviene in maniera individuale, in cui i politici per la maggior parte dei casi sono esclusi, con l’appannaggio verso mediatori, facilitatori. Ma sempre di corruzione si tratta. Peggio ancora nel sottogoverno, in cui nelle fasi dei lavori e dei traccheggi sono nascoste dal muro di legalità formulato dalla presenza di società per azioni con la partecipazione privata. Uno strumento che ancora oggi è utilizzato, specie dai comuni attraverso le famose partecipate. La logica vuole che fatta la legge trovato l’inganno.
Con la zona industriale avevamo l’illusione di raggiungere l’Eldorado; invece il tutto si è trasformato in un deserto di lacrime, tumori, malattie, morte, sangue, dolore. Non esiste una metafora più esplicita per indicare l’inferno sulla terra; le promesse della politica che ogni giorno ci illude che non c’è, mentre è l’angoscia che regna, rispecchiando il simbolo della sopportazione.
Un’opportunità mancata, che come nella disfatta dei disastri senza la buona volontà; o come se la sfortuna ci segnala il pericolo e noi non lo evitiamo. Siamo portatori incoscienti di uno splendore del mondo, noi che siamo nati tra i grandi della terra, siamo finiti nella palude del destino dei vinti. Non si costruisce la strada, il porto, la caserma, la scuola dove serve, ma dove si può palpare la vecchia signora tangente. Il futuro è buio, pieno di insidie. I giovani costretti a partire in terre lontane. Niente ci appartiene se non ci scrolliamo di dosso questi mostri sacri della politica corrotta. L’alba è diventata il tramonto.
Per Friedrich Nietzsche, “la vita non ha un senso dato da entità superiori: è caos e l’uomo deve riuscire da solo, con la volontà, a dare un suo senso personale a questo caos”.
Concetto Alota

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*