Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Priolo, emissioni odorigene: piano di investimento dell’IasSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Ambiente / Priolo, emissioni odorigene: piano di investimento dell’Ias

Priolo, emissioni odorigene: piano di investimento dell’Ias

L’industria Acque Siracusana ha predisposto degli interventi volti a ridurre le emissioni odorigene dell’impianto gestito dalla società nel Comune di Priolo Gargallo.

Obiettivo del programma di interventi è una significativa riduzione delle emissioni odorigene dell’impianto da perseguire mediante il confinamento, in misura pari al 90%, delle superfici libere delle sorgenti odorigene censite nello studio di caratterizzazione che I.A.S ha fatto eseguire da società specializzata; Il trattamento delle emissioni confinate, per coinvolgerle in atmosfera nel rispetto dei limiti applicabili.

Il piano di I.A.S., inerente agli investimenti per la minimizzazione dell’impatto ambientale del processo di depurazione delle acque e per la modernizzazione degli impianti per una migliore efficienza energetica, è stato inserito nelle novazioni previste dalla transizione ecologica e ambientale e sottoposto agli organismi competenti per la valutazione e l’approvazione.

Nello specifico il cronogramma di realizzazione e la relativa spesa programmata nell’ambito del PNRR sono così articolati: riduzione emissioni odorigene 12 milioni entro la metà del 2025; nuovo impianto trattamento fanghi 1 milione di euro entro la fine del 2022; miglioramento affidabilità impiantistica 6 milioni entro il 2026; efficientamento energetico 1 milione di euro entro 2025; miglioramenti anti-sismici 1.5 milioni entro il 2025.

L’aver seguito con attenzione e professionalità l’evolversi delle nuove strategie di investimento previste dal PNRR da parte del Presidente di IAS, dott.ssa Patrizia Brundo, ha fatto cogliere un’opportunità di sviluppo e innovazione, nonché di attrazione di risorse finanziarie per una struttura di fondamentale importanza per l’area industriale di Priolo Gargallo e per i comuni interessati, nell’intento di adeguare l’impianto biologico del trattamento delle acque reflue compatibile con il rispetto dell’ambiente e con la sicurezza dei cittadini.

Nell’iniziativa è stato di fondamentale importanza il supporto e l’azione politica promossa ed attuata dal Sindaco di Priolo Gargallo, on. Dott. Pippo Gianni con l’instaurazione del tavolo tecnico cui ha presenziato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, on.le Bruno Tabacci, con il coinvolgimento delle maggiori aziende che operano nell’area industriale di Priolo Gargallo e dei Sindaci dei Comuni interessati, ha permesso di elaborare le strategie che hanno avuto come risultato la partecipazione attiva del contesto nei programmi previsti dal Piano di Recupero e Resilienza approvato dal Governo.

“Lo strumento del tavolo tecnico – afferma la presidente dell’Ias, Patrizia Brundo – e la qualità del progetto permetteranno ad I.A.S di potere partecipare alle risorse finanziarie previste dal PNRR, per. l’attuazione di una svolta epocale del contesto sociale e produttivo mirata al miglioramento della qualità dell’aria e alla modernizzazione dell’azienda IAS.

Di fronte alle scadenze temporali poste dal PNRR, il presidente di IAS, fattivamente supportato dalla professionalità del Direttore Generale, ing. Enrico Monteleone e del suo staff tecnico, ha messo in moto tutta una serie di iniziative sia politiche che istituzionali, in corso di realizzazione, al fine di arrivare puntuali alle scadenze.

“È auspicabile – dice Brundo – come evidenziato dal Sindaco di Priolo, che l’opportunità offerta dal PNRR possa essere per i territori, le popolazioni che ci vivono e le imprese che vi operano l’inizio di una relazione etica che possa far convivere i processi produttivi nel rispetto di ambiente e salute”.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube