Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Priolo, sequestro preventivo alla ditta EcomacSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Ambiente / Priolo, sequestro preventivo alla ditta Ecomac

Priolo, sequestro preventivo alla ditta Ecomac

A seguito di una complessa attività investigativa attuata dai poliziotti del Commissariato di Priolo, la Procura di Siracusa in accoglimento di specifica richiesta degli investigatori, ha emesso un Decreto di Sequestro Preventivo, in situazione di urgenza, nei confronti della società “Ecomac Smaltimenti”, per un ammontare 13mila 416 euro.

L’indagine si è focalizzata su presunti elementi di irregolarità nell’affidamento alla ditta Ecomac dell’appalto per lo smaltimento e la differenziazione dei rifiuti del Comune di Melilli, avvalorati da un decreto di perquisizione e sequestro di atti e documentazione informatica emesso dalla Procura, eseguito dal personale della Polizia di Stato  presso nella ditta in parola e presso il comune di Melilli.

I reati ipotizzati, in concorso, sono turbata libertà degli incanti, frode in pubbliche forniture e truffa in danno di ente pubblico. Gli indagati sono Davide D’Orazio, ex dirigente del Comune di Melilli, responsabile del procedimento di affidamento dell’appalto alla ditta Ecomac,  Angelo Aloschi e Gianfranco Consiglio, quale, Amministratore unico il primo e quale socio il secondo della ditta Ecomac ed, infine,  Salvatore Montagno Grillo, dipendente della citata ditta.

L’inchiesta in parola ha anche accertato la fraudolenta attività delittuosa posta in essere per truffare il Comune di Melilli, mediante sovrafatturazione per servizi non resi o resi in modo difforme dai patti contrattuali stipulati. Infatti, a fronte delle 105,97 tonnellate di rifiuti differenziati conferiti presso la piattaforma di lavorazione Ecomac, tutti regolarmente fatturati e saldati dall’Ente Comune di Melilli, la società certificava l’ingresso solo per 65,5 tonnellate di rifiuti differenziati – carta e cartone-, con un ammanco accertato pari a 40,77 tonnellate. Dalle indagini effettuate si appurava che il danno patrimoniale subito dall’Ente Pubblico non derivava, altresì, unicamente dall’ammanco delle 40,77 tonnellate di carta e cartone, ma anche nella alterazione delle reali quantità di rifiuti transitati presso la Piattaforma Ecomac. Ciò ha comportato che il comune di Melilli, che peraltro è il proprietario del bene, non solo si era accollato tutti gli oneri di natura economica per la trasformazione del rifiuto in bene di valore, ma si era visto negare, per mancanza dell’inserimento dei dati corretti dei quantitativi di rifiuti transitati sulla piattaforma, il bonus di natura economica relativo alle effettive quantità di materiale riciclato.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*