Google+
Ultime Notizie

Priolo. Voci Bianche del I° Istituto comprensivo per il “Concerto di Natale”al Palazzo Comunale

L’aula consiliare del comune di Priolo Gargallo si è trasformata questa mattina in palcoscenico per ospitare il concerto del I° Istituto Comprensivo “Danilo Dolci”, scuola ad indirizzo musicale. L’iniziativa, promossa dal Presidente del Consiglio comunale, Alessandro Biamonte, è stata condivisa dal Sindaco, Pippo Gianni, e da tutta l’Amministrazione. Un “Concerto di Natale” dedicato dal I° Istituto ai dipendenti del Comune, al Consiglio comunale e alla Giunta. Lo spettacolo ha preso il via con l’Inno di Mameli e l’Inno alla Gioia di Beethoven, eseguiti dal coro delle voci bianche, composto da 34 elementi, e dall’orchestra sinfonica, con pianoforte, chitarra, sax e percussioni. Gli alunni si sono poi esibiti in un repertorio che abbracciava il genere classico e moderno, fino alla tradizione popolare. Tra i brani più apprezzati dal numeroso pubblico presente, “Careless Whisper” di George Michael, il medley “Fantasia di Natale”, “We Are the World” di Michael Jackson, “Mamma Mia” degli Abba.
Durante il concerto, il Sindaco, Pippo Gianni, ha ringraziato il Dirigente scolastico, Giuseppina Garafalo, per la splendida iniziativa, donando una targa ricordo del quarantennale dell’Autonomia comunale, ricevendo in cambio dei segnalibri. A questo proposito, il primo cittadino ha invitato i bimbi presenti a leggere e a prendere in prestito i nuovi libri acquistati dalla biblioteca comunale. “Coltivare l’amore per la lettura – ha detto il primo cittadino – rende uomini liberi”.
Il Presidente del Consiglio comunale, Alessandro Biamonte, ha parlato dell’obiettivo della sua presidenza: far avvicinare i cittadini alle istituzioni e alla vita del paese, anche attraverso iniziative come quella di questa mattina. “L’intento – ha detto Biamonte – è quello di creare una tradizione, far sì che il concerto possa ripetersi anche il prossimo anno. La mia proposta è quella di creare un cd realizzato dai ragazzi, che possa servire come immagine dell’intera comunità”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*