Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Proteste a Cavadonna, il Garante dei detenuti di nuovo in visita al carcereSiracusaLive | SRlive.it
Home / Primo Piano / Proteste a Cavadonna, il Garante dei detenuti di nuovo in visita al carcere

Proteste a Cavadonna, il Garante dei detenuti di nuovo in visita al carcere

Siracusa, 10 marzo ’20 – Il Garante dei diritti delle persone private della libertà del comune di Siracusa, Giovanni Villari, si è recato nuovamente stamattina al carcere di Cavadonna per prendere visione delle conseguenze delle proteste avvenute ieri sera.

“I danni sono seri – riferisce Villari – e per la direzione del carcere non sarà facile porvi rimedio, considerando anche la fase che stiamo attraversando. Stamattina al carcere, su richiesta del direttore, Aldo Tiralongo, è arrivato il magistrato di sorveglianza di competenza, per ascoltare le richieste di una ristretta delegazione di detenuti coinvolti”.

La protesta, riferisce il Garante, ha interessato i reclusi del Blocco 50, dove si stanno contando i danni. “Devo però segnalare – aggiunge – che non tutte le persone ospitate in quella sezione vi hanno preso parte. Al piano terreno la cucina è inutilizzabile, sono stati distrutti televisori, circuiti di sorveglianza e altre attrezzature; anche le celle risultano gravemente danneggiate. Il Provveditorato regionale dell’amministrazione penitenziaria ha sospeso le traduzioni per lo sfollamento, ragione per cui i detenuti le cui sezioni non sono momentaneamente agibili dovranno essere distribuiti sempre all’interno del penitenziario di Cavadonna. Questo aggraverà ulteriormente il sovraffollamento del quale la struttura soffre oramai in maniera endemica”.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*