Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Riconsegnato il pallone tensostatico di Belvedere

Riconsegnato il pallone tensostatico di Belvedere

Il quartiere di Belvedere dispone nuovamente del suo tensostatico, una struttura appartenente all’istituto comprensivo “Brancati” ma che viene utilizzata anche dalle società per l’attività sportiva. L’impianto, chiuso da anno perché danneggiato prima dai vandali e poi da un forte temporale, è stato riaperto stamattina al termine dei lavori di recupero.A tagliare il nastro, sono stati il sindaco, Francesco Italia, e la dirigente scolastica Stefania Gallo; presenti, l’assessore allo Sport, Andrea Buccheri (assente per altri impegni l’assessore alle Politiche scolastiche, Pierpaolo Coppa), il delegato di quartiere, Salvatore Ortisi, e gli ex consiglieri comunali Vincenzo Pantano e Mauro Basile.“Era doveroso per noi – ha detto il sindaco Italia – ricostruire e riconsegnare il più presto questo tensostatico, in quanto si tratta di uno spazio sociale a disposizione di bambini e adolescenti di un quartiere distante dalla città come Belvedere. Ma colgo l’occasione per rimarcare come l’impegno dell’Amministrazione sul fronte dell’edilizia scolastica sia costante e prioritario. Nel biennio ’19-’20 abbiamo speso per le scuole un milione e mezzo di euro di soli fondi comunali, senza contare gli altri finanziamenti che siamo riusciti a reperire e che abbiamo investito o stiamo investendo. Sono dati incontrovertibili e chi sostiene il contrario non conosce le cose oppure è in malafede”.

L’intervento, costato poco meno di 89 mila euro, è consistito nella sostituzione integrale del telo con membrana termica, sostituzione degli infissi, rifacimento della superficie di gioco con nuova pavimentazione autoposante, realizzazione di un sistema di rampe per assicurare la fruizione agli alunni diversamente abili direttamente dall’adiacente plesso scolastico.“In questo difficile periodo in cui gli spostamenti sono ridotti al minimo – ha affermato l’assessore Buccheri – è importante prestare attenzione alle comunità delle zone più decentrate. Questa struttura diventa addirittura fondamentale per le società sportive di Belvedere che potranno così riprendere al meglio le loro attività”. Stefania Gallo si è detta soddisfatta. Il tensostatico, dovendo prestare attenzione al distanziamento nella didattica, sarà utile, oltre che per l’educazione fisica, anche per tutte le altre attività che impegnano gli alunni nelle ore pomeridiane.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube