Home / Se te lo fossi perso / Rubavano cavi di rame in autostrada: arrestati due catanesi

Rubavano cavi di rame in autostrada: arrestati due catanesi

Due catanesi sono stati acciuffati dagli agenti della Polstrada mentre erano intenti a trafugare cavi di rame dell’impianto di illuminazione delle gallerie presenti nell’arteria autostradale Catania-Siracusa. Nel corso delle ultime settimane, a seguito di svariati tentativi di furti di cavi di rame all’interno delle 9 gallerie presenti lungo tutto l’asse autostradale, è intervenuto con personale specializzato dell’Anas di Catania, per verificare e ripristinare in diversi punti i distacchi operati da soliti ignoti. Rimane ancora a carico dell’Anas il ripristino di parte della galleria “Serena” in entrambi i sensi di marcia, mentre è stata completamente ripristinata l’illuminazione all’interno della galleria “San Fratello”.

E proprio durante i controlli, intorno alle 4,30, gli operatori della Polizia Stradale di Lentini hanno arrestato Salvatore Cosentino, di 24 anni, e Simone Viglianesi, di anni 19, entrambi residenti a Catania, i quali venivano sorpresi  nel tentativo di rubare alcuni estintori ed alcune sezioni di cavi di rame facenti parte dei dispositivi di sicurezza e di illuminazione installati all’interno della galleria “San Demetrio”.

La pattuglia della Polizia Stradale nel transitare sull’indicata autostrada Catania – Siracusa notava all’interno della galleria San Demetrio uno dei due arrestati intento ad armeggiare su una colonnina S.O.S. e nelle immediate adiacenze il complice in un’autovettura Fiat Bravo col motore acceso, tenuto pronto per l’eventuale fuga.

Alla vista degli operatori di Polizia Stradale i due indagati venivano bloccati nel loro tentativo di darsi alla fuga. I due catanesi sono agli arresti domiciliari in attesa del processo per direttissima fissato per il giorno domani.

Salvatore Cosentino

Simone Viglianesi

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*