Home / Se te lo fossi perso / Spettacolo / Sabato a Noto appuntamento con “La Traviata”
L’Orchestra Mediterranea siracusana e il coro.

Sabato a Noto appuntamento con “La Traviata”

Il 25 luglio alle ore 21,00 a Piazza Municipio andrà in scena “La Traviata”, una delle opere più belle e più importanti della storia della musica. Un  melodramma in tre  atti di  Francesco Maria Piave e musica di Giuseppe Verdi.
Il maestro Michele Pupillo dirigerà l’Orchestra Mediterranea Siracusana e Coro. La regia sarà di Paolo La Delfa, le scenografie di Maurizio Amaldi.
L’Opera sotto le stelle. Ci hanno creduto già l’anno scorso, con Tosca, il sindaco di Noto Corrado Bonfanti ed il vice Frankie Terranova, al pari del maestro Michele Pupillo e del dott. Biagio Armaro, patron dell’Orchestra Mediterranea Siracusana e Coro, hanno rinnovato la scommessa, anche per quest’anno, con La Traviata. Dunque puntano a fare il bis sulla scalinata della Basilica Cattedrale di Noto, in Piazza Municipio. Stiamo parlando dell’opera più vista al mondo nell’anno 2013. Nella primavera di quest’anno a Londra, La Traviata  è andata in scena, 160 anni dopo la sua prima rappresentazione, nel maggio del 1856, ed è stato un successo.
Il maestro Michele Pupillo con la “sua” Orchestra e Coro e con i protagonisti di questa messa in scena, sta completando il lavoro preparatorio per il 25 luglio, senza trascurare nessun dettaglio. La sfida, quando parliamo de La Traviata, è alta. I protagonisti che calcheranno la scena stanno dando il meglio nelle prove, sicuri di ripetere le performance il 25. Stiamo parlando di Esther Andaloro, Violetta, di Antonino Interisano, Alfredo, di Paolo La Delfa, Giorgio Germont (padre di Alfredo) e di tutti gli altri coprotagonisti , Valeria Fisichella, Francesca Mazza, Riccardo Palazzo, Lino Calafiore, Giuseppe Lo Turco, Maurizio Muscolino, Francesco Fontana. E’ un’opera dove i sentimenti, le intenzioni trovano spazi e modi di saper sempre stare dentro l’attualità. “Amore e morte”, questo era il titolo originario dell’opera verdiana al suo debutto/flop, nel 1853, al teatro La Fenice di Venezia. Temi troppo forti e troppo avanzati per la società del suo tempo.
Violetta ha solo 23 anni ( è, irrimediabilmente, malata, al saper di pochi), è bella, giovane e si fa mantenere da persone benestanti. Che in una tale persona potesse albergare l’amore vero e diventare veicolo di redenzione non era idea o concetto che potesse trovare una giustificazione. Dunque, pollice verso!! Il “ fiascone”, come lo definì lo stesso Verdi, però non aveva minimamente modificato gli stimoli, i sentimenti che il maestro aveva sentito dentro e che lo avevano portato a trasferirli in musica. “Il tempo giudicherà”, aveva detto ad un cronista dell’epoca. La “sentenza “ veneziana  non aveva incrinato in Verdi la certezza che quelle note, quella storia dovesse riscriverla. Accettò il “verdetto”, ma con un nuovo nome ,“Traviata”, ed una nuova compagnia, l’anno successivo, nel 1854, in un altro teatro veneziano, il San Benedetto, ripropose l’opera…. fu un successo senza precedenti.
Appunto, topoi musicali unici e irripetuti. Tre atti, tre momenti magici dove suoni, timbri ed emozioni caratterizzano, incontrandosi in una rappresentazione straordinaria, il genio artistico di Giuseppe Verdi.
Salvatore Spallina
 
Prevendita biglietti:            
Prezzo: Settore A € 50,00 +3 (diritti inclusi) – Settore B € 30,00 +3 (diritti inclusi)  . Punti vendita: Agenzia Viaggi Allakatalla Via Vittorio Emanuele, 57 – Noto – TEL: 0931 574080; Ortigia Viaggi  Vle. Tica, 160/A – Siracusa – TEL: 0931 411671; Fuori Rotta Viaggi  Corso Gelone, 2 –  Siracusa – TEL:  0931 449087; Casa Musicale Fiore Corso Umberto I, 95 – Siracusa – TEL:  0931 66536; Box Office: Info Biglietteria Tel: 0957225340www.citbox.it

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*