Home / Se te lo fossi perso / Sport / Serie D, ancora un pari per il Noto contro la Sarnese

Serie D, ancora un pari per il Noto contro la Sarnese

NOTO               0
SARNESE        0
NOTO: Ferla, Capuano, Cerra, Cozza (dal 42′ s.t. Patanè), Cucinotta (dal 10′ s.t. Cannone), Pizzoleo, Caruso, Saluto, Mosciaro, Ficarotta (dal 18′ s.t. Assenzio), Butera. All. Gaspare Cacciola (in tribuna per squalifica).
In panchina: Mannino, Gallipoli, Giovenco, Aprile, Spicuglia.
SARNESE: Sorrentino, Pastore, Loreto, Miccichè, Catalano, Fontanarosa, Savarese, Di Capua, D’Avino (dal 18′ s.t. Simonetti), Genovese (dal 25′ s.t. Imparato), Nasto (dal 12′ s.t. Lancella). All. Gianluca Esposito.
In panchina: Baetti, Cozzolino, Iovene, Iannello.
Arbitro: Claudio Petrella di Viterbo. Assistenti Michael Carpinato e Rosario Blanco di Acireale.
Note: ammonito al 34′ Pizzoleo (N), al 45′ D’Avino (S)
Torna al Palatucci il Noto dopo l’ottimo pareggio in casa dell’Aversa Normanna e lo fa con il suo allenatore in tribuna a causa della squalifica per un turno, stop anche per il difensore Bertolo, e con uno dei suoi uomini più importanti, il centrocampista Assenzio, in panchina. Infortunatosi in occasione della partita in Campania si è allenato a singhiozzo e il tecnico ha preferito non rischiarlo perché evidentemente non recuperato del tutto. Prolungata fase di studio tra le due formazioni con qualche tiro, poco preciso, dalla lunga e media distanza, ma al 13′ episodio in favore degli ospiti: Pizzoleo e Cucinotta non s’intendono sulla trequarti e ne approfitta l’attaccante che solo soletto s’invola in beata solitudine verso la porta. Ferla, dal sangue freddo invidiabile, gli va incontro sradicandogli il pallone dai piedi senza commettere fallo, il giocatore cade a terra ma l’arbitro giustamente fa proseguire. Il Noto si vede dalle parti del portiere Sorrentino intorno al 20′, dalla punizione calciata da Mosciaro si conquista un corner dal quale vien fuori l’azione più ghiotta di questo primo scorcio di partita con Caruso che gonfia la rete, ma la bandierina dell’assistente si alza per posizione irregolare dello stesso. Dopo questi due episodi è la Sarnese a rendersi più pericolosa, ma in entrambi i casi è sempre Ferla a togliere le castagne dal fuoco. Il pericolo sveglia i padroni di casa che pur in evidente difficoltà a centrocampo, sfruttando di più le vie laterali, iniziano a costruire qualche buona opportunità, proprio allo scadere Sorrentino e il compagno di squadra Di Capua salvano letteralmente la propria porta su conclusione ravvicinata. Finisce il primo tempo a reti inviolate. Sembra un piglio diverso quello con cui si inizia la ripresa: al 10′ Savarese direttamente da punizione chiama Ferla alla respinta coi pugni, dall’altro lato i tentativi dei padroni di si infrangono sulla muraglia umana eretta dalla Sarnese, chiusa a riccio nella propria metà campo. Anche se quando provano ad attaccare riescono a far venire i brividi gli uomini di Esposito, come al 31′ quando la pericolosa conclusione a botta sicura viene ancora una volta respinta d’istinto da Ferla. Tutte le sostituzioni effettuate dalle due panchine, nel Noto Cucinotta e Cozza per problemi fisici, ma il risultato rimane invariato sino al triplice fischio.
Emanuela  Volcan

    

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*