Home / Se te lo fossi perso / Politica / Siracusa, a breve i fondi per interventi al teatro greco

Siracusa, a breve i fondi per interventi al teatro greco

Turismo, beni culturali, infrastrutture in un’unica voce per coniugare lo sviluppo economico sostenibile. Questi i termini per i quali sono state avviate le interlocuzioni fra il Comune di Siracusa e gli assessorati regionalio competenti. Questa mattina nell’aula “Vittorini, si è tenuto il primo tavolo di confronto al quale hanno partecipato il soindaco Garozzo, il vice sindaco Italia, l’assessore Gasbarro, il resposanbile di Siracusa Turusmo Bongiovanni, la portavoce di Confindustria Falsaperla, la sovrintendente ai beni culturali Basile. Il confronto è stato con gli assessori regionali al Turismo, Sport e Spettacolo, Cleo Li Calzi, ai Beni culturali, Antonio Purpura, e alla Famiglia e Politiche sociali, Sebastiano Bruno Caruso.

“E’ stato avviato un processo di revisione della progettualità sul territorio – ha detto l’assessore Purpura – Il nostro obiettivo anche a Siracusa è quello relativo alla rendicontabilità dei progetti che poi saranno scelti per adottare i provvedimenti conseguenziali. C’è poi un’altra linea quella degli interventi da realizzare nel campo dei beni culturali. Credo sia giusta la strada della creazionedi un coordinamento che possa studiare le strategie future”.

Per l’assessore Li Calzi è necessario, invece, “rendere l’isola accessibile – ha detto al termine della lunga e articolata riunione di questa mattina – Occorre, quindi, creare una massa critica aggrappandosi ai grandi vettori aeroportuali. Penso a collegamenti diretti tra Madrid, Francoforte e gli aeroporti siciliani, in modo da attirare le mase di turisti provenienti dai continenti americano, asiatico, australiano. Altro argomento è relativo all’infrastrutturizzazione. Oggi a Roma si è tenuta la prima riunione per creare un colleamento diretto sul tavolo della mobilità e sulle destinazioni turistiche”.

L’assessore Caruso ha sottolinesto l’importanza di investire su cultura, beni cultiurali, start-up, ma anche su ricerca biologica e le altre filiere agroalimentari oltre che sull’hi-tech. “Occorre uno spazio convergente – ha concluso l’assessore regionale alla Famiglia – per fluidificare i processi ma non attravsrso i flussi tradizionali di finanziamento pubblico”.

La riunione è stata l’occasione per fare incontrare gli operastori del turismo locale con il vertice della Regione Sicilia. “C’era l’urgenza e l’esigenza di mantenere alto il livello di concretezza – ha affermato il vice sindaco Italia – Fra le cose che abbiamo chiesto agli assessori oggi presenti a Siracusa, l’esigenza di sbloccare i fondi dello sbigliettamento”. Si tratta di un ammontare complessivo di 600 mila euro, relativo alla seconda semestralità dello scorso anno. La prima tranche di 217 mila euro è già stata incassata dal Comune, mentre la seconda è rimasta nei cassetti della Regione Sicilia. “Questa seconda tranche – dice Italia – servirà essenzialmente per la manutenzione dei siti arecheologici e soprattutto per mettere mano al restauro del teatro greco. Abbiamo ottenuto delle risposte sostanzialmente positive e contiamo entro breve di potere ottenere tali somme”.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*