Google+

Siracusa. Appello per la realizzazione di un collegamento intermodale Ortigia, penisola Maddalena

Con i suoi promontori incantati e il mare blu cobalto la Penisola della Maddalena è ormai diventata una meta obbligata per chi vuole visitare Siracusa. A partire dal periodo primaverile e per tutta l’estate, migliaia di residenti e turisti affollano la costa del Plemmirio per bagnarsi nelle acque dell’Area Marina Protetta. L’istituzione della riserva marina e la lunga battaglia condotta dalle associazioni ambientaliste per la salvaguardia dell’area della “Pillirina”e l’istituzione di una riserva terrestre  hanno certamente contribuito a fare conoscere e apprezzare questo pezzo pregiato del nostro territorio. L’accesso alla Penisola Maddalena, dove pure risiedono migliaia di cittadini e dove si sono sviluppate attività ricreative e ricettive, tuttavia, avviene quasi esclusivamente attraverso mezzi di trasporto privati provocando, soprattutto nei giorni festivi, rilevanti problemi di congestione del traffico.

Per questo riteniamo che non sia più procrastinabile approntare un servizio di trasporto efficiente e sostenibile che colleghi la città e la Penisola Maddalena.

Già nel marzo del 2015 il Consiglio comunale, a larga maggioranza, aveva votato una mozione per la riattivazione dello storico servizio di collegamento marittimo Ortigia – Punta del Pero.

Di recente un atto indirizzo per la realizzazione di un servizio di collegamento intermodale (barca e bus) tra Ortigia e il Plemmirio, presentato da undici consiglieri tra cui come primo firmatario Carlo Gradenigo, già esponente di spicco del coordinamento di associazioni Sos Siracusa, è stato votato a larghissima maggioranza, impegnando il Sindaco e la Giunta all’individuazione delle aree sulle due sponde per la partenza e l’arrivo dei vaporetti e redigere un bando pubblico per la concessione del servizio di trasporto via mare  nonché ad attivare una linea di trasporto pubblico all’interno della Penisola Maddalena.

Questa iniziativa offrirebbe ai turisti e ai siracusani un servizio pratico e sostenibile per raggiungere le aree del Plemmirio, favorendo l’incremento dei tempi di permanenza degli stessi a tutto vantaggio delle attività commerciali locali e avrebbe l’effetto benefico di decongestionare il traffico lungo la Via Elorina, unica via di accesso da sud alla città e verso il centro storico alleggerendone la pressione turistica, divenuta ormai insostenibile.

Affinché il collegamento possa essere realizzato già dalla prossima stagione balneare, occorre inserire un’apposita previsione di spesa nel bilancio di previsione della città che in questi giorni è in fase di discussione per la sua imminente approvazione.

Per questo facciamo appello a tutti i Consiglieri Comunali, al Sindaco e alla Giunta affinché inseriscano  nel bilancio di previsione un capitolo di spesa per un importo adeguato a finanziare, il servizio di trasporto via mare Ortigia-Isola, ad attivare il servizio bus navetta (circolare Plemmirio) prevedendo un numero adeguato di fermate che permettano agli utenti di raggiungere i principali varchi dell’Area Marina Protetta del Plemmirio e le principali attività commerciali ivi presenti (bar, lidi, ristoranti, hotel, b&b); nonché a predisporre tutti gli atti amministrativi, tecnici ed economici per l’attivazione del servizio intermodale completo Barca + Bus (Ortigia-Plemmirio).

Cogliamo altresì l’occasione per rinnovare l’invito a tutte le istituzioni comunali perché chiedano ai competenti organi della Regione Siciliana di completare al più presto dell’iter amministrativo di istituzione della riserva naturale orientata “Capo Murro di Porco e Penisola della Maddalena”, come da anni chiedono tantissimi cittadini.

Legambiente

Rifiuti Zero Siracusa

Slow Food Condotta di Siracusa

Arci

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*