Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Siracusa, celebrati i funerali dell’anziano bruciato vivoSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Siracusa, celebrati i funerali dell’anziano bruciato vivo
Un momento dei funerali di Giuseppe Scarso.

Siracusa, celebrati i funerali dell’anziano bruciato vivo

Si sono celebrati alla chiesa di Grottasanta i funerali di Giuseppe Scarso, lo sfortunato anziano morto mercoledì dopo due mesi e mezzo di agonia a causa delle ustioni riportate nel raid notturno compiuto il primo ottobre da due giovani che lo hanno preso a fuoco.

Tanta gente ha partecipato al rito funebre, officiato da monsignor Sebastiano Amenta, vicario della curia, che, nell’omelia, ha puntato l’accento sull’esigenza di non bramare vendetta per i responsabili del gesto ma soltanto invocare giustizia. Il celebrante, che ha portato il cordoglio dell’arcivescovo Pappalardo, impegnato questa mattina in un incontro con i detenuti del carcere di Cavadonna, ha rimarcato il sentimento di dolore  e le emozioni che ha suscitato nell’opinione pubblica siracusana l’uccisione di don Pippo.

Nel primo banco la sorella e il fratello della vittima mentre all’ingresso della piccola chiesa, due poliziotti hanno montato la guardia. Tra i presenti anche il sindaco Garozzo e il presidente del consiglio comunale Armaro. Presente anche la deputazione della cappella di Santa Lucia e tante persone che hanno conosciuto e apprezzato zio Pippo.

Al termine della funzione religiosa, il corteo funebre è transitato davanti all’abitazione di Giuseppe Scarso, dove si è raccolto un gruppo di persone tra amici, parenti e vicini di casa per rendergli l’estremo saluto.

Compiuto il rito funebre, i riflettori si riaccendono sull’aspetto giudiziario della vicenda. Dopo il fermo del diciottenne Tranchina, ritenuto responsabile dell’aggressione con il fuoco ai danni della vittima i poliziotti della squadra mobile hanno concentrato gli sforzi per rintracciare l’altro giovane al momento sfuggito alla cattura.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*