Google+

Siracusa. Concessioni loculi al cimitero: come dire, “fare i conti senza l’oste”

Sul rinnovo delle concessioni dei loculi al cimitero di Siracusa, anche se capovolta, calza la storiella sulla locuzione “fare i conti senza l’oste”. Immaginate un soggetto che è abituato a prendere decisioni affrettate, che non tengono conto delle volontà altrui e/o di un eventuale rifiuto.
Nelle antiche usanze le osterie erano luoghi molto frequentati da viaggiatori e non solo, e la fama degli osti nell’organizzare imbrogli ed essere capaci di sostenerli abilmente durante la presentazione del conto era largamente diffusa. A fine pasto, dopo aver calcolato da sé il conto, il cliente si trovava puntualmente contraddetto dall’oste che gli chiedeva altre indicazioni di spesa e vanificava il suo sforzo di calcolo preventivo.
Ecco perché si dice non fare i conti prima che li abbia fatti l’oste, o più precisamente chi vuole farli comunque prima dell’oste, sia pronto a ripeterli almeno due volte.

Proviamo a fare conti sul rinnovo dei loculi al cimitero di Siracusa: loculi da rinnovare circa 17,286 moltiplicati per 11,50 euro necessari per la spedizione delle raccomandate R.R. agli eredi dei defunti per un totale di almeno 4 per ogni loculo, tra Italia ed Estero: totale generale circa 795.156,00. Soldi che nel bilancio del Comune di Siracusa non ci sono. Ecco… . Allora… . – Salvo errori e omissioni –

C.A.

Un commento

  1. Che imparassero a rispettare le persone e a compiere il ruolo che è stato affidato a questi individui. Le ordinanze si fanno con dati certi..poi si paga se è dovuto. I mi chiedo dove metterebbero i nostri cari. Io abito a Torino e la mia mamma è qui con me..nessuno avviso ufficiale. Vi chiedo di rendere pubblico questo pasticcio magari mettendovi in contattcon il tg.5. Io ho scritto a striscia la notizia e all’indignato speciale, ma fino adesso non ho avuto notizie. L’Italia deve sapere quello che sta succedendo.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*