Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Siracusa, deturpata la lapide che ricorda i caduti in guerra

Siracusa, deturpata la lapide che ricorda i caduti in guerra

E’ in stato di degrado la lapide storica dedicata agli eroi caduti di guerra Cesare Battisti, Fabio Filzi e Nazario Sauro a Siracusa, inglobata in una copertura con struttura metallica presumibilmente non autorizzata alla Marina. Lça segnalazione è stata avanzata dal presidente della Lamba Doria Alberto Moscuzza e l’architetto Gaudenzio Occhipinti. La prima segnalazione risale al gennaio 2009 sullo stato di avanzato degrado in cui versano le lapidi storiche del muraglione della Marina, e in particolare la lapide, deturpata dalla presenza di una struttura metallica e legno sita in prossimità di un chiosco bar. Tre anni dopo il Comune di Siracusa, con nota a firma del responsabile del servizio qualità urbana, confermando le motivazioni del parere espresso dalla commissione unica per Ortigia, nel quale richiede la rimozione della tettoia che “rappresenta elemento deturpativo del paesaggio e dannoso per le stesse mura”.

“Ritenuto che la struttura – dice Moscuzza -presumibilmente abusiva, rappresenta un oltraggio al sacrificio dei nostri caduti e la sua non rimozione a tutt’oggi, nell’avvicinarsi alle celebrazioni del centenario della impiccagione di Cesare Battisti, risulta un’ offesa alla storia della nostra Patria, oltre a far cadere nell’errore il cittadino comune sul senso dell’amor Patrio, visto dalle nostre istituzioni. Tutto ciò premesso, malgrado le ripetute segnalazioni, gli articoli di stampa e le promesse della vecchia amministrazione comunale, chiediamo di conoscere se l’attuale Amministrazione Comunale di Siracusa abbia previsto, o ritiene di prevedere, tra gli interventi prioritari da effettuare quello di rimuovere la struttura metallica abusiva in questione che deturpa. L’auspicio è che entro il 12 luglio prossimo, data della commemorazione del centenario della fucilazione di Cesare Battisti, venga ripristinato lo stato dei luoghi “.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*