Home / Se te lo fossi perso / Siracusa, diretta Santa Messa dal Santuario Madonna delle Lacrime su TeleUno Tris

Siracusa, diretta Santa Messa dal Santuario Madonna delle Lacrime su TeleUno Tris

Domenica 6 ottobre 2019, TeleUno Tris, canale 172, su srlive.it e sulla pagina Facebook TRIS SIRACUSA, trasmetterà la Santa Messa dalla Basilica Santuario Madonna delle Lacrime, a partire dalle ore 12.00, con la recita della Supplica alla Madonna di Pompei, alla Vergine delle Lacrime e la Celebrazione Eucaristica.

La Basilica Madonna delle Lacrime, Santuario Regionale di Sicilia dal 1° settembre 2019, esprime gratitudine per questa importante e delicata attenzione di preghiera e di carità a vantaggio dei fedeli impossibilitati a partecipare fisicamente alla Santa Messa anziani, ammalati o carcerati. L’unione nella preghiera, anche attraverso la trasmissione televisiva, conferma la promessa di Gesù il quale ha garantito la sua presenza là dove due o tre sono riuniti nel suo nome.

Il Direttore della Pastorale della Salute dell’Arcidiocesi di Siracusa ha commentato l’iniziativa dicendo che “L’occasione data dall’emittente TeleUno Tris deve anche sensibilizzare maggiormente i sacerdoti, i diaconi e i fedeli a una maggiore attenzione verso gli anziani e gli ammalati, i quali possono ricevere l’Eucarestia direttamente nelle loro abitazioni grazie al prezioso ministero pastorale dei ministri della Comunione”.

Inoltre, la Basilica Santuario ringrazia particolarmente Maria TV per aver dato la possibilità di realizzare un’APP per Android scaricabile gratuitamente da “Google Play Store” – “Santuario Madonna delle Lacrime”, per rimanere aggiornati sulle attività del Santuario dal quale vengono trasmesse in streaming tutte le celebrazioni liturgiche e per vedere il Quadretto della Madonnina in tempo reale attraverso la web cam che trasmette continuamente in diretta dal Santuario.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube