Google+
Massimo Calogero Giuliana

Siracusa, disposte nuove indagini per la morte della guardia giurata

Il gip del tribunale, Andrea Migneco ha accolto l’opposizione, avanzata dall’avv. Alessandro Cotzia alla richiesta di archiviazione trasmessa dal pm Marco Di Mauro. Il giudice ha disposto la trasmissione degli atti alla Procura per proseguire le indagini relativi alla morte della guardia giurata siracusana Calogero Giuliana, avvenuta in circostanze poco chiare la notte del 3 marzo 2017. In quella circostanza, Giuliana è deceduto a causa di un colpo di arma da fuoco partito dalla sua stessa pistola d’ordinanza, dopo un inseguimento volto a sventare un furto ai danni della raffineria Esso di Augusta.

Il pm Di Mauro, oggi in servizio al tribunale di Milano, ha chiesto l’archiviazione del caso in cui risultava indagato un collega di Giuliana per insufficienza di elementi di prova a sostegno dell’ipotesi dell’omicidio. Una conclusione a cui è pervenuto dopo avere studiato l’esito della perizia eseguita dai consulenti Di Forti e Averna da cui emergerebbe l’accidentalità dell’evento.

Nel disporre la riapertura delle indagini, il gip Migneco ha posto alcuni quesiti come quello di acquisire ai consulenti tecnici del pm i chiarimenti necessari alla ricostruzione della dinamica dell’evento che contrasta con le conclusioni della consulenza di parte o nominare nuovi consulenti; l’accertamento di ulteriori tracce ematiche nell’abitacolo della vettura di servizio dove si è consumata la tragedia; verifica della presenza delle impronte digitali sull’arma in uso alla vittima con specifico riferimento a una manipolazione della stessa.

Il giudice ha assegnato un nuovo termine di 6 mesi per eseguire l’approfondimento delle indagini

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*