Google+
Ultime Notizie

La difficile eredità del procuratore Giordano: lotta senza quartiere e i veleni in Procura

Il dado è tratto. La permanenza del procuratore Francesco Paolo Giordano alla procura di Siracusa si avvia verso la fine. Ha chiesto e ottenuto il trasferimento alla Procura Generale di Catania, mercoledì prossimo, tranne altri colpi di scena, prenderà servizio.

Sarà l’attuale procuratore aggiunto Fabio Scavone (nella foto a destra) a guidare la Procura di Siracusa del dopo Giordano. Nel giro di un mese, tempo previsto dal regolamento, Fabio Scavone assumerà l’incarico di capo della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa, fino alla nomina del nuovo procuratore da parte del Csm. Il tempo previsto è di almeno 8 mesi.

Nel merito e nella procedura, la difesa di Giordano ha fatto scattare le notifiche di legge per proporre l’eventuale opposizione attraverso un ricorso alla giustizia amministrativa, in questo caso al Tar del Lazio, per la messa sotto accusa e i tanti sviluppi, con i tanti possibili depistaggi, menzogne e calunnie insistenti nel voluminoso fascicolo e denunciati da Giordano. La Terza commissione del Consiglio superiore della magistratura ha accolto la richiesta di trasferimento del capo della Procura di Siracusa, alla procura generale di Catania, come sostituto procuratore generale. Il Plenum del Csm confermerà la prossima settimana e in caso di ratifica sarà dichiarato estinto il procedimento di trasferimento d’ufficio. Giordano, a scanso di equivoci, ha voluto chiarire i termini dei passaggi degli ultimi giorni. “Da settimane ho fatto domanda in via principale per essere trasferito alla Direzione nazionale antimafia come sostituto procuratore Antimafia, dove ho esercitato funzioni negli anni 2004/2008, in linea subordinata alla procura generale di Catania, come sostituto procuratore generale”.

Il procedimento d’ufficio per incompatibilità ambientale era scaturito in seguito all’esposto di 8 sostituti procuratori in forza alla Procura di Siracusa che aveva dato vita all’inchiesta sul “Sistema Siracusa” della Procura di Messina e Roma, con l’arresto del sostituto Giancarlo Longo. Fascicolo che si è arricchito nei giorni scorsi a dismisura, con altri indagati, fatti e circostanze ancora tutti da svelare.

Un’eredità davvero difficile quella del procuratore capo di Siracusa Francesco Paolo Giordano la nomina a numero uno della Procura della Repubblica di Siracusa. Nel mese di luglio del 2013 all’unanimità dal Consiglio Superiore della Magistratura, dopo i famosi “Veleni in Procura” dove si registrò una breve ma feroce “lotta” tra i due poteri dello Stato, politico e giudiziario, che sfociò nel trasferimento d’ufficio da parte della sezione disciplinare del CSM, su richiesta e sollecitazione dall’allora ministro della Giustizia, Paola Severino, del procuratore capo della Repubblica di Siracusa Ugo Rossi presso la procura di Enna e del sostituto Maurizio Musco alla Procura di Palermo (rimesso successivamente al suo posto dallo stesso Csm).

Proveniente dalla carica di procuratore capo della Repubblica di Caltagirone, Francesco Paolo Giordano, vanta un lungo curriculum di tutto rispetto. Sin dal 1977 in magistratura è stato giudice presso il tribunale di Modica; dal 1993 al 2003 procuratore aggiunto presso la Procura della Repubblica di Caltanissetta e componente la DDA nissena; dal 2004 al 2008 è stato sostituto procuratore nazionale Antimafia. Nel 2009 fu nominato a capo della Procura della Repubblica di Caltagirone. Durante la sua permanenze a Caltanissetta si occupò di tante indagini su inchieste giudiziarie scottanti sulla mafia; dalla strage di Capaci, dove rappresentò la pubblica accusa nel processo di primo grado, alla strage di Via d’Amelio, così come da pubblico ministero nel processo d’appello per l’omicidio del giudice Livatino. Si occupò a lungo delle indagini, in uno alla DDA di Catania, sui risvolti, le condizioni e le connivenze tra la politica e il crimine organizzato della mafia catanese; della Base militare degli Stati Uniti d’America, dove è installato la potente stazione radar denominata “Muos” a Niscemi, e dei sei operai che trovarono la morte nell’incidente sul lavoro all’interno del depuratore delle acque reflue di Mineo.

Considerato uno tra i tanti magistrati siciliani impegnati da sempre nello studio e profondi conoscitori del fenomeno mafioso, non ama molto le luci della ribalta; intransigente, cortese e sempre disposto al dialogo con i giornalisti e con i comuni cittadini, ma geloso delle inchieste del suo ufficio e a ogni domanda su indagini in corso non rilascia mai anticipazioni e nemmeno piccoli indizi di sorta, da dove poter tirar fuori qualcosa da scrivere; la stessa cosa si riscontra da parte di tutti i componenti l’Ufficio della Procura da lui capitanato.

Nel palazzaccio di viale Santa Panagia Siracusa trova una situazione disastrosa, dove lo scontro è totale; ma riesce ad equilibrare la guerra per un certo periodi di tempo. In poco tempo trova nel suo cammino oltre una dozzina di fascicoli d’inchiesta che interessano la pubblica amministrazione siracusana e una lotta senza quartiere tra alcuni gruppi della politica siracusana. Scava a fondo nei meandri dei rapporti tra la politica e gli imprenditori, dei connubi e degli interessi che si nascondono dietro il paravento del potere istituzionale nell’intero territorio siracusano.

S’indaga a fondo sugli aspetti di una condizione politica che appare chiaramente organizzata con lo stile della mafia tradizionale, e dove gli interessi da contrastare sono le tante denunce che tuttora allarmano la pubblica opinione. Fascicolo al quale si sono aggiunti nuovi elementi di confutazione tra personaggi che hanno avuto il compito d’infangarsi a vicenda. Indagini che hanno preso la strada della riformulazione degli aspetti giuridici al vaglio degli inquirenti, che hanno riorganizzato le tematiche di uno sfondo in maniera speciosa, con la speculare condizione rispetto al primo troncone che ha prodotto almeno tre ramificazioni. Negli ambienti giudiziari, si parla di tante indagini d’inchiesta come di tanti casi esplosivi, capace di azzerare gli aspetti credibili di fatti e misfatti artefatti e pilotati verso la fase preferita, per ingaggiare un risultato nella logica diversa dalla verità che si voleva invece far credere.

Il procuratore Francesco Paolo Giordano riapre le indagini a ventaglio sulle ingarbugliate tematiche ambientali ne polo petrolchimico siracusano, dopo aver scrutare a fondo ogni piccolo indizio e ascoltare tutti gli attori e i registi dello scenario industriale del Polo industriale aretuseo nelle sue infinite sfaccettature, e a ben vedere e a ben sentire, in sintesi, e con i possibili altri provvedimenti cautelari, sia sul piano dei risultati delle indagini, sia sulla colpevolezza dei tanti incolpati, che a vario titolo e nei lunghi anni d’inquinamento selvaggio hanno fatto il bello e il cattivo tempo, con tutte le possibili connivenze tra pezzi delle istituzioni e i tanti “sensali” e o “compari” degli industriali che di volta in volta si sono presentati all’appello, visibilmente “troppi interessati”, per qualcosa che era invece istituzionalmente scontata e da “studiare” a fondo nell’interesse della collettività. Ma il muro di gomma delle lobby della chimica e della raffinazione si è presentato subito ancor più refrattario verso la verità nascosta dai mille interessi.

Nella carriera del procuratore della Repubblica di Siracusa, Francesco Paolo Giordano, troviamo tanti interventi e studi sulle tematiche del crimine organizzato e dell’intero universo chiamato mafia; si trovano tracce già nel lontano 1986 a Chianciano, dove in un incontro-studio sulla documentazione per magistrati, tra l’altro, scriveva: “… per approssimazione uno scollamento tra l’esigenza di politica criminale di accreditare o comunque di valorizzare le dichiarazioni dei pentiti, da un lato, in quanto è un dato di esperienza comune che le informazioni sulla struttura e sulle attività delle associazioni mafiose e delle organizzazioni criminali, informazioni che provengono da un affiliato delle stesse organizzazioni, sono in termini assoluti più pregnanti di un qualsivoglia fonte di prova alternativa che riesce soltanto indirettamente e approssimativamente a rappresentare certi fatti, e, dall’altro lato, l’esigenza di tipo dommatico di armonizzare questo tipo di dichiarazione con i principi che governano il processo penale attuale e la valutazione della prova, primo fra tutti il diritto di difesa e di libertà dei cittadini”.

E ancora. Davanti alla Commissione Nazionale Antimafia, il procuratore capo di Siracusa, Francesco Paolo Giordano, nella seduta tenutasi il 18 settembre del 1997 e presieduta dal presidente Ottaviano Del Turco, in audizione congiunta con il collega Tinebra, si soffermò a lungo sulle tematiche organizzative delle misure di prevenzione da parte delle procure di tutta Italia, e le indagini sul riciclaggio nel contesto dei territori a forte presenza della mafia sia in Sicilia, così come nel resto del Paese; ma dopo una lunga e appassionata disamina sull’argomento, chiese al presidente Del Turco il permesso di proseguire la seduta in segreto per un breve tempo. Ora sul tavolo del procuratore Giordano ci sono oltre una dozzina di fascicoli d’inchiesta che riguardano la Pubblica Amministrazione a vario titolo e tutte abbastanza complesse, in un territorio carico di veleni e lotte intestine all’interno dei partiti, e dove il potere politico nel passato è apparso “privilegiato”, mentre ora si trova sulle spalle un peso giudiziario non indifferente, addirittura storico per certi aspetti della scienza della statistica.

Concetto Alota  

 

 

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*