Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Siracusa, nona edizione della regata dei quartieri storici

Siracusa, nona edizione della regata dei quartieri storici

Tutto pronto per la IX edizione della Regata dei quartieri storici di Siracusa.  Il 16 agosto alle  16 vi sarà il raduno degli equipaggi nel piazzale antistante la lega navale di Siracusa dove sarà effettuato il sorteggio delle corsie. Alle 17 è prevista l’uscita dal porto Lachio, tutto dopo la benedizione degli equipaggi. <E’ un evento – dice Emanuele Schiavone, presidente dell’associazione Gozzo di Marika –  che  ricorda la vecchia usanza della marineria siracusana che dopo una battuta di pesca, i vari mestieri si sfidavano in una vera e propria competizione a remi utilizzando i buzzetti siracusani. Quest’anno la cosa che fortemente voglio ricordare – e imporre se necessario ai siracusani che hanno imbarcazioni – di non creare onde durante la gara e nemmeno ostacoli durante il percorso, perché rischiamo d’interrompere  la competizione. I ragazzi che partecipano alla regata sono gli unici testimoni che a distanza di tanti anni utilizzano ancora i remi, va loro il massimo rispetto e tanta gratitudine perché ci permettono di assistere a questo favoloso evento che si svolge ogni anno nel porto di Siracusa>.
 Il presidente dell’associazione pone anche una critica ai presidenti delle circoscrizioni, precisando come: <La regata si tiene dal 2007 organizza, ha un solo obbiettivo: ricordare gli eventi storici. Quest’anno con grande rammarico nonostante i vari tentativi non sono riuscito a coinvolgere le cinque circoscrizioni che dovevano essere il volano per creare antagonismo tra i rioni. Tanti sono stati gli incontri, ma non una vera partecipazione. Alla fine  tutto si riduce che a regata completata si presenta il presidente del quartiere che ha vinto solo ed esclusivamente per la premiazione. Per noi la Regata deve essere organizzata, elaborata assieme alle circoscrizioni, loro hanno il compito di curare il proprio equipaggio e pubblicizzare l’evento nel proprio territorio solo così si può creare una tifoseria che stimola  gli equipaggi e quindi tutta la città>.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*