Home / Se te lo fossi perso / Politica / Siracusa, si dimette l’assessore Silvana Gambuzza

Siracusa, si dimette l’assessore Silvana Gambuzza

L’assessore Silvana Gambuzza si è dimessa stamani. In una lettera inviata al sindaco, Gambuzza le motiva con il “Profondo senso di responsabilità e di condivisione dello spirito di squadra che hanno contraddistinto e ispirano da sempre il mio operato. L’importanza delle cose si vede dall’impegno messo per portarle avanti anche quando gli ostacoli sono tanti, ed io sono davvero orgogliosa di aver contribuito e contribuire attivamente all’impegno da te assunto nei confronti della nostra città e di tutti i suoi cittadini”. 

Ecco il testo della missiva.

Carissimo Sindaco,

Con questa mia desidero rassegnare le mie dimissioni a far data dal 09  gennaio 2015. Le motivazioni personali e politiche che mi spingono a rimettere nelle tue mani il mio mandato, sono da ricercare nel profondo senso di responsabilità e di condivisone dello spirito di squadra che hanno contraddistinto e ispirano da sempre il mio operato. L’importanza delle cose si vede dall’impegno messo per portarle avanti anche quando gli ostacoli sono tanti, ed io sono davvero orgogliosa di aver contribuito e contribuire attivamente all’impegno da te assunto nei confronti della nostra città e di tutti i suoi cittadini.  Sin dal 3 Luglio 2013, giorno della mia nomina ad Assessore Comunale, ho fatto parte di una Giunta con cui ho condiviso sempre tutto; una sorta di famiglia in cui ci si aiuta l’uno con l’altro e si scambiano preziosi consigli e critiche per il bene comune.  Tutto ciò è stato possibile grazie alla fiducia che hai riposto in me e mi ha permesso di realizzare numerosi progetti nelle rubriche da te affidatemi.

Il mio impegno verso Siracusa ha toccato vari aspetti della vita dei nostri cittadini.  Seguendo il tuo programma elettorale e con la proficua collaborazione dell’Ufficio Mobilità, Viabilità e Trasporti, oltre alla ordinaria amministrazione, siamo riusciti a realizzare importanti azioni tra cui ricordo in particolare: la rifunzionalizzazione del servizio go bike e dei bus elettrici; la realizzazione delle rotatorie di Santa Panagia che hanno diminuito nettamente il rischio di incidenti in quella zona e la sistemazione dei parcheggi principali della città, alcuni dei quali ancora in via di sistemazione.  Sul fronte non meno significativo delle pari opportunità, in seguito all’istituzione del registro delle unioni civili, da te fortemente voluto, ottimi sono stati i rapporti con i Sindacati e le Associazioni, in particolare con l’Arcigay, con cui ho collaborato attivamente per organizzare uno degli eventi più importanti dell’anno appena passato, l’Onda Pride, che non era mai stato realizzato nella nostra città.

Per tutto questo, oltre a te, voglio ringraziare i Dirigenti ed il Personale degli uffici, i quali si sono dimostrati sempre disponibili nei miei confronti consigliandomi ed aiutandomi, i miei colleghi Assessori, la Segretaria Generale, l’Ufficio di Gabinetto del Sindaco, il presidente del Consiglio e tutti i Consiglieri Comunali con i quali ho collaborato attivamente per dare risposte ai nostri cittadini.  Il rapporto di fiducia e collaborazione instaurato in seno alla giunta, il clima serio, sereno e costruttivo che hai saputo trasmetterci, ci ha permesso di far incrociare tutte le nostre rubriche e di sfruttare al meglio le nostre competenze e capacità.  Le mie dimissioni arrivano coerentemente a questo spirito e al percorso intrapreso. Ritengo che, in questo momento, possano essere utili per far sì che il gioco di squadra continui e ci sia una maggiore apertura a nuovi e competenti apporti.  Per queste ragioni, posso ritenermi molto serena e tranquilla, come cittadina e come amministratrice, certa che, chi mi succederà, sarà in grado di proseguire le azioni intraprese e mantenere l’impegno politico e civile del governo della città in un rapporto di reciproca fiducia.  Rimarrò sempre a fianco di questa Amministrazione e sarò sempre a disposizione tua, della Giunta, di questo progetto epocale di rinnovamento condotto in modo onesto, trasparente, concreto e responsabile nei confronti di tutti i cittadini, che sono la vera forza motrice del nostro impegno.  Un ultimo, sincero ringraziamento, alla mia famiglia ed a chi mi ha permesso con orgoglio e dedizione di scrivere un nuovo capitolo al grande libro della mia vita a servizio dei miei concittadini. Un libro forse non perfetto, ma che vale la pena di essere letto. Con grande stima e fiducia.

Silvana Gambuzza

Informazioni su Redazione

Un commento

  1. Concetto Alota

    Troppi i rimpasti registrati da quando è iniziata l’avventura di Garozzo alla guida del Vermexio e tante le polemiche che rimbombano ogni giorno di più dal Palazzo della politica siracusana, che si è adddirittura legata, forse meglio dire “collegata”, anche con quella di Priolo Gargallo del Sindaco Rizza per certi aspetti di potere, di nomine assessoriali, compreso quella proveniente da uomini e donne della stessa maggioranza. Dimissioni di assessori a “rotazione”, sul vecchio stile demo-socialista di un tempo ormai passato e a tratti dimenticato, e se la regola vuole che la storia si ripete, eccone la prova della politica “ballerina” e che a volte diventa “danza” di guerra. E se è vero che molte cose sono state fatte da questa amministrazione, ci sono tante emergenze che lasciano l’amaro in bocca ai cittadini che speravano in un nuovo corso, senza guerre intestine e lotte cruente per la posizione di un potere che per fortuna è temporale. Come a voler riaffermare la logica di un tempo: fare tutto le cose possibili e che interessano il “gruppo”, le cricche, prima che la manna del potere finisca. E gli interessi e i disagi della gente colpita da una crisi economica profonda e che a tratti è confusa per le spese allegre del Palazzo? Si tratterà certamente di un’altra cosa che interessa tanti altri.
    Concetto Alota

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*