Google+
Ultime Notizie

Siracusa. Verde pubblico abbandonato tra degrado e pericoli

Secondo le lamentele di tanti cittadini, a Siracusa il verde pubblico in certe zone è in uno stato di vistoso abbandono, e non è una novità; le piante sono in precarie condizioni. Le poche aiuole collocate nei marciapiedi, sono piene di erbacce e spazzatura che soffocano gli alberi mal curati e versano in uno stato di abbandono, in altri casi le chiome delle piante sfiorano i marciapiedi impedendo il passaggio pedonale con rami che fuoriescono ed erbacce, come nel caso del viale Paolo Orsi. Spesse volte il fogliame non è raccolto e i rami secchi fanno da contorno a tronchi d’alberi non curati che seccano e muoiono; le erbacce coprono ogni cosa. Sparisce dalla vista il verde ordinato, sperato, e tanto desiderato.

Manca la manutenzione dello spazio a verde, che dovrebbe essere il “polmone” naturali della città; un gradevole posto di ritrovo quotidiano, ma, invece, è una vista davvero spiacevole.Il poco verde pubblico è malconcio, a causa della presenza sempre più consistente di erbacce, diventate ormai rifugio di insetti, ratti e di ogni tipo di zanzare.

I pochi interventi di scerbatura e potatura di aiuole e alberi in varie zone della città, vengono effettuate in modo disomogeneo, e a singhiozzo; specie nelle periferie, luoghi più soggetti al disinteresse ambientale. Il continuo persistere di sterpaglie, associato alla crescita di radici nelle varie zone non fanno che arrecare grave danno al decoro urbano. Abbastanza evidente è la situazione di degrado anche nelle strade centrale. Il tutto arreca un oltraggio all’immagine per le attività commerciali presenti nelle zone e tanti problemi alla pubblica fruizione dei pedoni e il rischi per la pubblica incolumità.

Senza rancore. Noi facciamo il nostro dovere di cronisti e pubblichiamo le notizie verificate e documentate come nel caso. La nota positiva che in qualche zona, per la verità, è già iniziata la potatura e il taglio dell’erba.

Concetto Alota

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*