Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Sortino, in quarantena i parenti dell’ottantenne morto per CoronavirusSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Sortino, in quarantena i parenti dell’ottantenne morto per Coronavirus

Sortino, in quarantena i parenti dell’ottantenne morto per Coronavirus

Sono tutti in quarantena i congiunti dell’ottantenne di Sortino, morto a causa del Coronavirus. Si tratta del primo paziente deceduto in Sicilia a causa del Covid-19. L’anziano è stato dapprima ricoverato al reparto di Medicina generale dell’Ospedale Muscatello di Augusta, e poi trasferito all’ospedale di Caltagirone dove poi è morto.

La notizia era stata diffusa dal sindaco di Sortino Vincenzo Parlato, chje ha confermato attraverso un messaggio sui social l’esistenza del caso di Coronavirus nel piccolo centro collinare siracusano. L’uomo, secondo quanto confermato da fonti dell’Asp, avrebbe accusato stati confusionali, sintomi che i medici inizialmente avrebbero ricondotto ad un ictus. Sottoposto al tampone, è risultato positivo. Il reparto è stato chiuso e i luoghi attraversati dall’uomo sono stati sanificati. Disposti controlli sulle persone che sono entrate in contatto con la vittima.

L’assessorato regionale per la Salute ha precisato che l’uomo è deceduto per arresto cardiorespiratorio e che si tratta di un soggetto che era affetto da patologie cardiovascolari e neurologiche, con una endoprotesi per pregresso aneurisma aortico-addominale. L’uomo era stato ricoverato presso il nosocomio di Augusta, con sospetta ischemia cerebrale. Oggi era stata accertata la positività al Covus-19 in un soggetto con patologie multiple.

L’uomo era stato anche ricoverato nel reparto di medicina dell’ospedale Muscatello di Augusta e l’Azienda sanitaria provinciale ha provveduto alla sanificazione dei locali, e sta effettuando i tamponi a tutte le persone che sono entrate in contatto con l’anziano, personale medico e infermieri, ma anche agli altri pazienti e ai familiari dell’uomo.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube