Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Sparatoria vicino a scuola: ferito un uomo

Sparatoria vicino a scuola: ferito un uomo

Gli hanno teso un agguato a pochi passi dall’ingresso della scuola. Sono piombati all’improvviso sparando diversi colpi di arma da fuoco all’indirizzo del bersaglio, un 36enne siracusano, già noto agli investigatori. Lo hanno attinto a una gamba per poi tagliare la corda. Un segnale ben preciso, come se gli volessero dare solo una lezione risparmiandogli, quindi, la vita.

L’episodio di sangue è avvenuto intorno alle 8.30 in via Carradore, di fronte all’ingresso dell’istituto comprensivo Martoglio. Per fortuna gli alunni erano tutti nelle loro aule e il sicario è arrivato lungo la strada prendendo di mira il 36enne che non ha fatto a tempo ad evitare di essere attinto da un proiettile. Subito dopo quelle fasi concitate, il ferito è rimasto per terra sanguinante ed è stato soccorso da alcuni passanti. Poi il trasporto al pronto soccorso dell’ospedale Umberto primo per essere sottoposto alle cure dei sanitari.

Scattato l’allarme, sul posto sono accorse le pattuglie dei carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale, che hanno eseguito i primi rilievi scientifici sul luogo dell’agguato. Subito dopo avere ricevuto le cure dei medici, il ferito è stato sentito a lungo dagli investigatori nel tentativo di ricostruire la dinamica dell’agguato e risalire ai responsabili della gambizzazione. Le indagini dei carabinieri ruotano a tutto tondo per comprendere quale possa essere il movente dell’agguato. Si scava nel passato della vittima, che avrebbe avuto precedenti per detenzione di stupefacenti e altri reati contro il patrimonio.

Un altro fatto analogo avvenne nel settembre 2017 quando all’interno di un bar di viale Santa Panagia, due persone, che poi furono individuate e arrestate, gambizzarono un ventenne con il quale avevano avuto poco prima un litigio.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*