Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Trafficante di droga calabrese si nascondeva a Belvedere: arrestatoSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Trafficante di droga calabrese si nascondeva a Belvedere: arrestato

Trafficante di droga calabrese si nascondeva a Belvedere: arrestato

Si nascondeva da due mesi in un normale appartamento di un edificio condominiale di Belvedere. Vincenzo Alvaro, 44 anni, originario di Sinopoli, ritenuto appartenente all’omonimo clan, è stato arrestato all’alba dai carabinieri del gruppo operativo della Compagnia di Siracusa.

L’uomo è destinatario di due misure cautelari, emesse lo scorso anno dalle Procure di Catanzaro e di Genova, per traffico internazionale di cocaina. Alvaro si era reso irreperibile nell’ultimo anno ma soltanto da una sessantina di giorni si trovava a Siracusa. La sua vita è stata definita molto ritirata. Usciva soltanto di rado e nelle ore serali. Nell’abitazione in cui si era nascosto, sono stati trovati diversi capi d’abbigliamento griffati, tecnologia avanzata e costosa, e una mazzetta da 10 mila euro in banconote da 50 euro.

Vincenzo Alvaro

Vincenzo Alvaro

Le due ordinanze di custodia cautelare in carcere sono l’esito di due distinte indagini, una del Goa della Guardia di Finanza di Catanzaro, che vedevano denunciati 34 persone per traffico di stupefacenti, l’altra dalla polizia tributaria della guardia di finanza di Genova per detenzione e traffico di cocaina proveniente dal Perù e nascosta all’interno di container.

Al momento dell’irruzione dei carabinieri, che hanno appreso della sua presenza nelle ultime ore, Alvaro non ha opposto alcuna resistenza né sono state trovate armi da fuoco. Le indagini dei militari continuano per individuare le dinamiche e soprattutto coloro che avrebbero favorito la permanenza a Belvedere del ricercato. Mentre l’uomo è stato associato alla casa circondariale di Cavadonna, a condurre le indagini è la Procura di Siracusa.

C. A.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube