Google+

Vicini alla sigla del primo protocollo anti elusione del contratto edile in provincia di Siracusa

“Combattere il lavoro nero e sottopagato, gli infortuni sul lavoro, il dumping contrattuale e la concorrenza sleale fra le imprese del settore edile. E’ l’obiettivo del protocollo d’intesa, al centro dell’incontro di oggi, tra il Sindaco di Priolo Gargallo, Pippo Gianni, le organizzazioni sindacali di categoria Feneal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil, guidate rispettivamente dai segretari generali Saveria Corallo, Paolo Gallo e Salvo Carnevale, l’associazione degli imprenditori edili della nostra provincia, unitamente agli enti bilaterali, cassa edile ed ente scuola OPT di Siracusa. Il primo cittadino e i sindacati si sono trovati anche d’accordo sulla necessità di puntare l’attenzione sulla zona industriale, fonte principale, con il sistema del massimo ribasso, della degenerazione del sistema degli appalti.”
“Ma oggi l’obiettivo era fare passi avanti sull’attivazione di un protocollo che avvii in maniera metodica un monitoraggio congiunto di tutti i lavori edili(pubblici e privati), per arrivare ad avere il rispetto dei diritti degli addetti del settore edile, dove si registrano troppi incidenti, spesso mortali, la cui causa principale è la contrazione di temi, per noi, incomprimibili come la sicurezza e la formazione, sotto l’altare del profitto”. “Attraverso il protocollo d’intesa – aggiungono Corallo, Gallo e Carnevale-, le Amministrazioni forniranno informazioni sulle aziende al sistema bilaterale edile. A scrivere i protocolli sono capaci tutti, ma la vera svolta sarà quella di instaurare una comunicazione continua sfruttando canali informatici da costruire insieme reintroducendo, inoltre, principi di verifica più accurata del Durc in corso di validità. Ed inoltre si prevede di attivare una sorta di unità di crisi qualora vi siano imprese che non pagano gli stipendi e le prestazioni contrattuali ai lavoratori.”
“E’ ora di metterci al lavoro, in maniera piu’ scientifica, per cacciare i furbetti del cantierino, nemici delle imprese sane, dei lavoratori e delle amministrazioni comunali sensibili al tema del rispetto contrattuale. “Ci aspettiamo, inoltre, di incontrare rapidamente tutti gli altri Sindaci per continuare in una operazione fondamentale che ci vedrà pienamente soddisfatti quando tutte le amministrazioni approderanno a un unico grande Osservatorio dei lavoro edili. “
Siamo già da tempo inpegnatissimi in questa battaglia con il nostro Osservatorio, istituito presso l’enete bilaterale provinciale. Molte sono le ore lavorate in nero che siamo riusciti a far emergere. Vogliamo continuare su questa strada. Solo in questo modo saremo in grado di essere efficaci, insieme gli organi di vigilanza nella lotta al lavoro nero e sottopagato. E’ una operazione di enorme portata- concludono i segretari generali – e tenacemente lavoriamo per estenderla e migliorarla”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*