Google+
La casa circondariale di Cavadonna.

Cafeo e Raciti: “A Cavadonna servono 60 agenti in più”

Rivedere la pianta organica degli agenti di polizia penitenziaria in servizio alla casa circondariale di Cavadonna. Questa la proposta avanzata dal parlamentare regionale Giovanni Cafeo, che insieme con il deputato nazionale del Pd, Fausto Raciti, ha eseguito un sopralluogo alla struttura penitenziaria siracusana.

Il Segretario della terza Commissione Ars, Attività Produttive, ha preso atto del lavoro svolto dal corpo di polizia penitenziaria all’interno della struttura, recentemente ingrandita con una nuova ala e il conseguente arrivo di altri detenuti in regime di massima sicurezza, ma che “nonostante questo ha mantenuto la precedente pianta organica. Tuttavia, allo stato attuale, l’intera struttura presenta un deficit di personale di oltre 60 unità, indispensabili per garantire i livelli minimi di funzionalità e sicurezza”.

“Alla luce di quanto appreso alla fine della visita – dice l’On. Cafeo – mi farò portavoce presso il Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria affinché venga rivista la pianta organica della struttura di Cavadonna, mentre l’on. Raciti ha assunto l’impegno di presentare in Parlamento un’interpellanza urgente sulla questione al Ministro della Giustizia”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*