Google+

Assenteismo e multe vinte: il 5 Stelle fa chiarezza

Siracusa 11 aprile ’19 – Per il consigliere comunale del MoVimento 5 Stelle Roberto Trigilio il riferimento al suo coinvolgimento è frutto di sterili polemiche. “Curioso come dicerie tra i banchi dell’aula Vittorini siano poi finite sui giornali – spiega Trigilio – Giusto per fare chiarezza, visto che non c’è nulla nascondere: è vero che ho vinto parecchi ricorsi per multe elevate dalla Polizia Municipale aretusea ma si tratta di incarichi assunti da libero professionista ben prima delle elezioni. Non esiste quindi una benché minima ombra di incompatibilità con il ruolo attuale. In ogni caso – puntualizza – il fatto che abbia vinto il 90% dei ricorsi significa che il Comune è in evidente fallo nella vicenda, cosa questa che espone le casse pubbliche ad una pioggia di ricorsi e conseguenti debiti fuori bilancio”.

Lo stesso Roberto Trigilio si era messo a disposizione per aiutare l’ente a chiudere la falla che rischia di costare migliaia e migliaia di euro. “Da avvocato, ben prima delle elezioni, avevo inviato anche comunicazioni via posta elettronica certificata chiedendo che, a costo zero, venissero annullate in autotutela le multe, segnalando che il Comune avrebbe rischiato di soccombere in una serie di ricorsi”, spiega Trigilio. “Ed oggi il rischio è ancora più grande, perché si continua ad andare avanti come se nulla fosse pur di non correggere gli errori di fondo, relativi alla segnaletica ed alla comunicazione agli utenti. Capisco che il Comune tema e di dover annullare le sanzioni elevate e non ancora incassate, ma così continua ad esporsi a ricorsi che al 90% vengono vinti dagli automobilisti con le spese accessorie. Ribadisco la mia disponibilità a fornire ogni contributo professionale per eliminare i vizi della Ztl”.

Quanto alle accuse di assenteismo, Trigilio non si nasconde. “Non è elegante speculare sulla salute delle persone per far politica. Tra dicembre e febbraio, ho affrontato una delicata situazione di cui molti erano a conoscenza. Considero l’accusa uno scivolone maldestro”, conclude il consigliare comunale M5S.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*