Home / Curiosità / Giovine Canicattini aderisce alla riforma della Giustizia

Giovine Canicattini aderisce alla riforma della Giustizia

La “Giovine Canicattini”, movimento d’ispirazione mazziniana fondato da Paolo D’Orio nel 2006, aderisce alla riforma della Giustizia con i sei quesiti che ha proposto la senatrice Giulia Bongiorno. Anche a Canicattini Bagni vengono raccolte le firme, D’Orio sostiene l’iniziativa dell’avvocato Aldo Ganci responsabile regionale del Dipartimento Autonomie Locali della Lega che dice: “Fondamentale ed epocale la riforma della Magistratura che scaturisce dai referendum voluti da Lega e Radicali. CSM non più politicizzato, responsabilità diretta dei Magistrati, separazione delle carriere, sicuramente rappresentano una svolta all’interno dei poteri dello Stato”.
Paolo D’Orio afferma: “Ho conosciuto l’Avv. Raffaele Della Valle nel 2018 e il famoso anzi famigerato Caso Tortora oggi più di ieri è un motivo e un monito per una Giustizia che debba scriversi maiuscolo! La responsabilità diretta dei Magistrati con l’equa valutazione degli stessi che si propone in abrogazione della normativa vigente è una battaglia di civiltà, lo dico da avvocato ma innanzitutto da cittadino vista la recente cronaca che fa protagonisti in Italia diversi giudici perché tutti i cittadini sono eguali davanti alla legge”. Il Cav. D’Orio conclude: “Nessuno può scordare che l’Italia è una Repubblica ovvero la più alta forma di potere del popolo incompatibile con l’esonero dalle responsabilità per chi amministra lo Stato e la sua Giustizia”.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube