Home / Se te lo fossi perso / Politica / Inquilini morosi incolpevoli: un milione e mezzo per 11 comuni

Inquilini morosi incolpevoli: un milione e mezzo per 11 comuni

L’Assessorato delle Infrastrutture e della Mobilità ha pubblicato il Decreto con il quale impegna le somme da assegnare alle Amministrazioni Comunali quale riparto del Fondo nazionale in favore degli inquilini morosi incolpevoli per l’anno 2014.

Il Ministero dei Trasporti ha trasferito alla Regione Siciliana dapprima, con Decreto del 14 maggio 2014, la somma di 835 mila 668 euro e, successivamente, con Decreto 9 febbraio 2015, ulteriori 657 mila 253 euro.

La Regione Siciliana ha impegnato un totale di 1 milione 492 mila euro destinati ai comuni di Siracusa, Augusta, Avola, Canicattini Bagni, Carlentini, Floridia, Melilli, Noto, Palazzolo Acreide, Priolo Gargallo e Solarino allo scopo di aiutare gli inquilini morosi incolpevoli, distribuendo il 50% dei finanziamenti ai comuni capoluogo di provincia ed il restante 50% ai comuni ad alta tensione abitativa, tenendo conto degli sfratti esecutivi emessi nei comuni capoluogo di provincia e nei comuni ad alta tensione abitativa, secondo i dati forniti dai tribunali territorialmente competenti.

La somma impegnata viene assegnata alle amministrazioni comunali quale riparto del Fondo nazionale in favore degli inquilini morosi incolpevoli.

“Al Comune di Siracusa – ha detto l’on. Vinciullo – sono stati assegnati 71 mila 346 euro a seguito di 253 sfratti, mentre, per quanto riguarda i comuni ad alta tensione abitativa che ricadono nel territorio della provincia di Siracusa, sono stati assegnati i fondi secondo la seguente tabella. Dopo la pubblicazione del decreto, i comuni interessati formuleranno i relativi bandi per l’assegnazione dei fondi ministeriali già ripartiti dalla Regione Siciliana, attenendosi alle linee guida approvate dalla Giunta di Governo in data 17 dicembre 2014.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*