Google+

Lavori fognari nei pressi della bretella nord della Ss124: interrogazione gruppo consiliare “Amo Siracusa”

E’ stata depositata questa mattina, in vista del Consiglio comunale dedicato all’attività ispettiva del prossimo 27/06/19, dal gruppo consiliare “Amo Siracusa”, un’interrogazione riguardante i lavori per la realizzazione della tubazione fognaria che hanno avuto luogo nei mesi scorsi nei pressi della bretella di servizio lato nord della S.S. 124 nel tratto compreso tra le progressive km 117+075 e km 117+580 ANAS ed eseguiti dall’A.t.i. Impresa costruzioni Eredi Marotta.

“Si tratta – spiegano i consiglieri comunali Gaetano Favara, Michele Mangiafico e Carlos Torres – di un’arteria cittadina che serve il nuovo centro comunale di Protezione civile, un centro sportivo frequentato da numerosi concittadini e diverse altre proprietà private. Lo stato di degrado in cui l’impresa sopra citata ha lasciato l’arteria stradale è foriero di possibili incidenti, determinando rischi non indifferenti per chi percorre questa strada. Ci risulta che la Direzione Lavori del Comune di Siracusa avrebbe inviato il 13/05/2019, il 20/05/2019 e il 05/06/2019 tre successive comunicazioni a mezzo Pec per chiedere il ripristino dello status quo ante della strada, riscontrando solo un intervento “palliativo” avvenuto il 20/05/2019 assolutamente non risolutivo del danno determinatosi sull’arteria in questione a causa dei lavori. Per far comprendere quale sia lo stato dei luoghi ancora oggi, abbiamo anche prodotto un corredo fotografico. Non riteniamo che questo sia un comportamento responsabile e consapevole delle ragioni di incolumità che possono determinarsi per le persone che transitano lungo questa arteria e che non sono poche per la presenza sulla stessa strada di diverse altre proprietà. Non comprendiamo come mai, a fronte di questo comportamento, il Comune di Siracusa non abbia ancora assunto la determinazione di agire in danno alla stessa impresa ripristinando le condizioni originarie del manto stradale e restituendo alla strada le condizioni di sicurezza necessarie”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*