Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Liceo Gargallo, scattano i sigilli della Procura di Siracusa

Liceo Gargallo, scattano i sigilli della Procura di Siracusa

Piove sul bagnato per lo storico edificio ortigiano che ospitava il liceo classico Gargallo. I Carabinieri della Sezione Tutela Patrimonio Culturale (TPC) di Siracusa, unitamente a personale della locale Compagnia Carabinieri, hanno eseguito il sequestro preventivo dell’edificio monumentale, sito nell’isola di Ortigia, già sede del Liceo Classico “Tommaso Gargallo”. Il provvedimento è stato disposto dal GIP del Tribunale di Siracusa, su richiesta della Procura della Repubblica. L’immobile storico, di proprietà comunale, rappresenta un’importante testimonianza dell’opera dell’architetto siracusano Luciano Alì.

 L’attività d’indagine ha consentito di verificare e documentare lo stato di grave deterioramento e abbandono dell’immobile, nonostante i vari progetti di recupero e consolidamento strutturale, pianificati ed avviati nel corso degli ultimi decenni, a partire dal 1990. I sopralluoghi effettuati hanno permesso di rilevare consistenti danni alla struttura, interessata anche da parziali crolli (nell’aprile del 2016 vi è stato il crollo di una parte della volta del primo piano).

Indipendentemente dagli ulteriori sviluppi che la vicenda potrà avere in merito all’individuazione di eventuali responsabilità, il provvedimento di sequestro è motivato dalle condizioni dell’immobile, ormai tali da rappresentare un concreto pericolo per la pubblica incolumità.

 Il palazzo, originariamente sede dell’«Oratorio di San Filippo Neri», risale alla seconda metà del XVII secolo. Nel 1777, furono eseguite opere architettoniche, finalizzate all’ampliamento della struttura, a cura del noto architetto siracusano Luciano Alì. Nel 1852, dopo che l’Arcivescovo D. Michele Manzo ottenne, da Pio IX, l’autorizzazione a commutare l’edificio in «Casa dei Padri della Missione di San Vincenzo de Paoli», quest’ultimi vi istituirono un convitto per le classi ginnasiali e liceali. Il palazzo è stato quindi sede del Liceo in cui si sono formate diverse generazioni di studenti siracusani e che vantava solide tradizioni culturali, guadagnando autorevolezza anche oltre i confini della provincia aretusea.

ARCHEOCLUB: “FARE CHIAREZZA SULLE RESPOSNABILITA'” . ArcheoClub Siracusa, attraverso l’avvocato Aldo Modica interviene sulla vicemda: “Grazie all’esposto e denuncia presentata congiuntamente, alla fine di febbraio di quest’anno, da Fabio Granata, Aldo Modica, Annalisa Romeo Cavarra, Anna Spadaro, anche per conto del circolo ArcheoClub di Siracusa, delle associazioni “Giù le mani dal mio Gargallo” e “Comitato pro Gargallo”, è stato sequestrato dal Nucleo Tutela Archeologica dell’Arma dei Carabinieri di Siracusa il cantiere del Liceo Classico Tommaso Gargallo. Il provvedimento è stato notificato ufficialmente ai firmatari dell’esposto. Si tratta di uno dei pochi fatti concreti in una riqualificazione infinita e immobile. Ci auguriamo sia solo uno dei primi atti necessari a far chiarezza sulla vicenda dello scempio del patrimonio artistico e culturale rappresentato dalla sede storica del Liceo Classico Tommaso Gargallo, e che possa seguire rapidamente l’accertamento delle responsabilità, sia relativamente ciò che è stato compiuto a danno del patrimonio cittadino, che in riferimento alle colpevoli omissioni degli organi di controllo.”

C. A.

Informazioni su Redazione

Un commento

  1. Questa si che è una bella, magnifica, splendida, BUONA scuola!! Compimenti politicanti, grazie.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*