Home / Cultura / Noto, comunicare le differenze con la forza del linguaggio

Noto, comunicare le differenze con la forza del linguaggio

Nell’Aula Magna del Cumo, piena di ragazze e ragazzi, ma anche di docenti, si è svolto un incontro sul tema “Comunicare le differenze”, relatrice la Professoressa Graziella Priulla docente ordinaria di Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso il Dipartimento di studi politici e sociali dell’Università di Catania, promosso dalla Fidapa, Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari, sezione di Noto, in scia al tema nazionale scelto “Ruolo e finalità delle associazioni femminili in una società in rapida e continua evoluzione”. Ad aprire la mattinata i saluti della Presidente Fidapa di Noto, Giovanna Sfiligoi, del Professore Corrado Spataro, Presidente C.d.A. CUMO, che ha sottolineato l’importanza del tema scelto: “Se non ci fossero differenze non ci sarebbe movimento, non ci sarebbe crescita. La questione è come farle stare insieme”. Presente alla conferenza l’Assessore Cettina Raudino, che ha delega, tra le altre, proprio alle Pari Opportunità e all’Università: “Agire sulla forza del linguaggio per affrontare e superare le differenze di genere. Il modo specifico della Professoressa Priulla mi sembra proprio adatto a recepire le istanze dell’oggi. E l’impegno come Amministrazione è a sostegno di questa azione, dove le differenze e i diversi punti di vista sono una ricchezza per tutti”. Dopo una serie di interventi introduttivi al tema si è poi ascoltata l’intervento della relatrice che in premessa ha puntato il dito sul ritardo dell’Italia rispetto alla Comunità Europea sul tema, e poi che esisterebbe l’obbligo di introduzione nelle scuole dell’Educazione di genere ma che di fatto non esiste. “Da parecchi anni – ha dichiarato Graziella Priulla- faccio studi di genere ma solo l’anno scorso ho fatto inserire la materia di genere nella facoltà di Scienze Politiche. E lo studio verte su tanti aspetti, quelli culturali, la storia, l’evoluzione la contemporaneità ma anche la semplice grammatica che va corretta”. Un’aula attenta ha seguito lo sviluppo della relazione che ha segnato un momento di confronto importante.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*