Home / Se te lo fossi perso / Politica / Noto, ordinanza del Sindaco sulle emissioni sonore

Noto, ordinanza del Sindaco sulle emissioni sonore

Un autentico giro di vite, una posizione netta dell’Amministrazione Bonfanti in merito alle emissioni sonore nel territorio di pertinenza, secondo i periodi dell’anno ed in conformità delle leggi vigenti. Ma proprio con l’ingresso della bella stagione e quindi con l’aumento delle iniziative con intrattenimento e/o diffusione musicale, proprio nella giornata odierna è stata emessa l’Ordinanza Sindacale n. 186, che modifica la precedente, n.220-S del 3 giugno 2013, sulle emissioni sonore, con l’obiettivo di completare la revisione della gestione del centro storico e delle contrade. “Con precedenti interventi amministrativi – commenta il Sindaco Corrado Bonfanti-  sono state disciplinate in maniera più restrittiva sia l’utilizzo del suolo pubblico che la gestione della zona a traffico limitato e l’isola pedonale, attraverso regole più semplici e trasparenti e, allo stesso tempo, più rispondenti alle mutate esigenze della città.
Nello specifico dell’atto odierno, dedicato alle emissioni sonore, si proibisce
l’utilizzo di amplificazione sia in città che nelle contrade e si mette un freno al proliferare di iniziative musicali affatto rispettose dei basilari criteri e principi del vivere civile e del rispetto dei diritti di tutti. D’ora in avanti, non sarà più possibile organizzare eventi e diffondere musica se non autorizzati dal Comune e, ove previsto dalla legge, dalle autorità di pubblica sicurezza”. Nel dettaglio del periodo più prossimo, fermo restando che vengono stabiliti i criteri per tutto l’anno e con le eccezioni del caso (la notte di San Lorenzo, la notte di ferragosto, la notte dell’ultimo dell’anno e il lunedi di San Corrado a lido di Noto, quando in divieto scatta alle 4 del mattino): dal 1 luglio al 30 settembre su tutto il territorio del Comune di Noto è consentito effettuare intrattenimento musicale, non amplificato e dal vivo, dal lunedi al giovedì sino alla mezzanotte, venerdì, sabato e domenica fino alle 2; dall’1 ottobre al 31 marzo fino alle 23; dall’1 aprile al 30 giugno fino alla mezzanotte. Divieto tutti i giorni dalle ore 13 alle ore 17. Secondo il tipo di trasgressione sarà comminata pena pecuniaria da 500 euro a 10 mila euro, ed anche, alla seconda infrazione, la sospensione dell’attività, da tre a quindici giorni. La reiterata inosservanza oltre le due volte comporterà l’ulteriore sospensione per sei mesi. “Sono convinto che le iniziative poste in essere – chiude il Sindaco Bonfanti – sapranno fornire una migliore e più qualificata risposta alle esigenze di tutti e sono il frutto di anni di esperienza sul campo. I nostri concittadini e i gestori di attività commerciali e imprenditoriali, sanno bene che la crescita e lo sviluppo del nostro territorio passa per il rispetto di regole chiare e trasparenti, garanti dei diritti e delle esigenze di tutti, di ogni fascia d’età e di ogni interesse personale e collettivo. Dove c’è un alto senso civico, i risultati si raggiungono facilmente e le risorse utilizzate nei controlli sono meno impegnative. Ad ogni buon conto, siamo disposti, così come in programma, di investire di più nei controlli e non lasceremo spazio a chi non si uniforma e collabora nella direzione indicata”.
Emanuela Volcan

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*