Home / Se te lo fossi perso / Ambiente / Noto, pulizia del litorale di Calabernardo da parte di cittadini

Noto, pulizia del litorale di Calabernardo da parte di cittadini

Se l’estate si può dire conclusa lo stesso non può assolutamente essere affermato sulla frequentazione di turisti, visitatori e degli stessi netini alle spiagge ed alle scogliere del litorale, da Calabernardo a Lido di Noto, da Eloro a San Lorenzo. E dunque uno sguardo alle condizioni di pulizia dei luoghi non guasta, perchè se il calo fisiologico dei bagnanti è più che comprensibile purtroppo ciò non è accompagnato da altrettanto calo nella presenza di spazzatura, addebitabile sempre e soltanto alla mano dell’uomo incapace di mantenere i luoghi pubblici così come fa, sicuramente, in casa propria. Sfidiamo chiunque ad ammettere che nella propria abitazione riesca a buttare a terra una carta, una cicca di sigaretta o altro, mentre sulle spiagge e tra gli scogli si trova qualunque cosa. Ed è quello che ci testimoniano oggi Roberto Oddo e Salvatore Pannuzzo (insieme nella foto) che proprio qualche pomeriggio fa si sono muniti di sacchi dell’immondizia, guanti e tanta buona volontà, per ripulire il litorale di Calabernardo. “Purtroppo abbiamo trovato davvero di tutto – ci spiega Roberto Oddo – anche catrame lungo il Viale Sicilia. Vorremmo che i nostri concittadini capissero che la bellezza dei luoghi deve essere protetta e tutelata innanzitutto da noi stessi”. Diverse le ore di lavoro impiegate per restituire al sito pulizia e decoro. “Visto la crescente inciviltà, causa primaria delle condizioni di sporcizia rilevata, abbiamo pensato che dovevamo fare qualcosa in prima persona – commenta Salvatore Pannuzzo-. Vorremmo iniziare una vera e propria campagna di sensibilizzazione sulla scia della lodevole iniziativa posta in essere da tre giovani netini che tutti ricorderanno: le “Green Nomination””. Dunque l’azione di Roberto Oddo e Salvatore Pannuzzo, entrambi componenti di Impegno per Noto, e quindi persone già impegnate nella vita della città, proseguirà con l’intento di allargare la partecipazione attiva dei cittadini ma soprattutto alla sensibilizzazione atta a prevenire in concreto l’incuria dei luoghi pubblici.
Emanuela Volcan

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*