Google+

Operazione antimafia della polizia denominata “Vecchia Maniera”: disarticolato il clan Trigila di Noto

 

Nelle prime ore della mattinata odierna, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia di Catania, agenti della Squadra Mobile di Siracusa, con la collaborazione dei colleghi delle Squadre Mobili di Milano, Messina e Novara, hanno dato esecuzione all’ordinanza con la quale il G.I.P. presso il Tribunale di Catania, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia, ha disposto l’applicazione della misura cautelare della custodia in carcere nei confronti dei seguenti soggetti: Aliani Hamid, nato in Marocco il 19.10.1963;

Nunziatina Bianca, nata a Noto di annni 62; Pietro Crescimone , nato a Lucca Sicula (AG) di anni 57; Elisabetta Di Mari , nata a Siracusa il 55 06.08.1964; Lao Giuseppe, nato a Rosolini di anni 48; Lemaifi Said, nato in Marocco di anni 51 ( espulso dal territorio dello Stato il 4 dicembre u.s.) Angelo Monaco, nato a Rosolini (SR) di anni 64; Antonino Rubbino, nato a Rosolini (SR) di Anni 51;

Sono attualmente in corso le ricerche di altre due persone, di cui una cittadina straniera, destinatarie della misura cautelare.

Tutti ritenuti, a vario titolo, gravemente indiziati dei reati di associazione finalizzata al traffico di sostanza stupefacente; tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso; porto e detenzione illegale di armi; estorsione aggravata dal metodo mafioso e dalla finalità di agevolare il clan Trigila. L’attività d’indagine ha fatto luce sulle attività illecite poste in essere dal gruppo capeggiato da Angelo Monaco, già riconosciuto in passato esponente di vertice del clan mafioso dei “Trigila” di Noto, facente capo al boss detenuto Antonio Trigila, detto ‘Pinuccio Pinnintula’. Tornato in libertà il 25 agosto 2016, all’indomani della sua scarcerazione, il Monaco decideva di ricalcare un modello delinquenziale di tipo tradizionale, puntando sulle attività illecite tipicamente appannaggio della criminalità organizzata, quali il traffico di sostanze stupefacenti e le estorsioni ai danni delle imprese che esercitavano attività economiche. Una “Vecchia maniera”, che si basava sui pregressi legami instaurati nel corso della lunga carriera criminale con i trafficanti di stupefacenti e sull’intimidazione mafiosa, perpetrata a colpi di arma da fuoco e incendio dei mezzi d’opera ai danni delle ditte che non si piegavano alle richieste estorsive.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, Angelo Monaco , costantemente affiancato dalla moglie Elisabetta Di Mari e dall’uomo di sua più stretta fiducia, Crescimone Pietro, avrebbe promosso, diretto e organizzato una associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, grazie alla quale sarebbe stato in grado di far giungere nella provincia aretusea ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti da immettere sul mercato locale.

Il traffico di droga gestito dagli indagati veniva suffragato da significativi riscontri investigativi: nel pomeriggio del 28 febbraio 2017, personale dell’U.P.G.S.P. della Questura di Messina, bloccava, proveniente da Villa San Giovanni, il figlio di Elisabetta Di Mari, e lo trovava in possesso di circa 1 Kg di cocaina, occultato nella portiera del veicolo su cui viaggiava; nella notte tra il 21 e il 22 maggio 2017, Angelo Monaco e Pietro Crescimone venivano tratti in arresto a Villa S. Giovanni (RC) da personale delle Squadre Mobili di Siracusa e Reggio Calabria, perché trovati in possesso di circa 71 Kg di hashish occultati a bordo del furgone su cui viaggiavano. Dalle attività tecniche era emerso, infatti, che i due indagati erano partiti da Noto nel pomeriggio precedente e si erano recati a Milano per prelevare un grosso carico di droga.

L’indagine documentava, inoltre, l’esistenza e l’operatività di una seconda associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, composta da cittadini marocchini con base operativa nella città di Milano e ramificazioni su Messina e Novara. Il predetto sodalizio, grazie ad una vasta e articolata rete di contatti tra l’Italia e il Marocco, era in grado di far giungere sul territorio nazionale rilevanti quantitativi di sostanza stupefacente, che venivano ceduti a vari acquirenti presenti sul territorio nazionale, tra cui il gruppo capeggiato da Angelo Monaco.

Monaco e Crescimone risultano, inoltre, gravemente indiziati del tentativo di estorsione, aggravato dall’utilizzo del metodo mafioso, posto in essere nei confronti dell’impresa impegnata nella realizzazione dello svincolo autostradale di Noto sull’autostrada Siracusa-Gela. L’indagine traeva spunto da alcune “visite” in cantiere effettuate da Angelo Monaco, che facevano presagire l’avanzamento di future richieste estorsive. Nell’ultima circostanza, in conseguenza dell’ennesimo diniego di interloquire con i responsabili dell’azienda, Monaco pronunciava la frase ”… sono venuto tre volte…..non vengo più…”. Era il monito con il quale l’indagato preannunciava di voler cambiare strategia e di essere intenzionato a lanciare un “segnale” ai vertici dell’azienda.

Difatti, nella notte tra il 19 e il 20 maggio 2017, un gruppo armato composto da Monaco Angelo Monaco, Pietro Crescimone , Antonino Rubbino e Giuseppe Lao, si recava nelle aree di cantiere del costruendo svincolo autostradale di Noto ed esplodeva numerosi colpi di arma da fuoco all’indirizzo dei mezzi d’opera della ditta impegnata nella realizzazione dei lavori. Come emerso dalle risultanze investigative, Angelo Monaco e Pietro Crescimone avrebbero più volte tentato di incendiare gli escavatori della ditta priolese, senza tuttavia riuscirvi, sia in virtù dei servizi di polizia predisposti al precipuo fine di farli desistere, sia per cause accidentali indipendenti dalla loro volontà.

Di rilievo si rivelava, poi, la figura di Rubbino, ritenuto referente del clan “Trigila” per il territorio di Rosolini e anello di congiunzione con il gruppo capeggiato da Monaco.

Il Rubbino, infatti, oltre ad affiancare Monaco nell’intimidazione armata commessa nella notte tra il 19 e il 20 maggio, risulta gravemente indiziato per aver posto in essere, unitamente a Nunziatina Bianca, moglie del capoclan Antonio Tigila, e ad altra persona attualmente ricercata, una estorsione aggravata dall’utilizzo del metodo mafioso e al fine di favorire le attività economiche del clan Trigila nei confronti di una azienda agricola di Rosolini attiva nella coltivazione, raccolta e lavorazione di prodotti ortofrutticoli. All’amministratore unico della citata azienda, infatti, gli indagati avrebbero imposto l’acquisto delle pedane in legno prodotte nella fabbrica della famiglia Trigila, gestita dal genero del capoclan Trigila.

In tale estorsione, un ruolo chiave sarebbe stato svolto proprio dalla moglie del boss “pinuccio pinnintula”, la quale non avrebbe esitato a “presentarsi” personalmente al titolare dell’azienda, facendo così valere la forza di intimidazione mafiosa e la valenza simbolica derivante dal rapporto di parentela per vincere l’iniziale resistenza della vittima.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*