Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Pachino, arrestati gli autori di un altro tentato omicidio

Pachino, arrestati gli autori di un altro tentato omicidio

Si continua a sparare a Pachino. Sono stati rintracciati e sottoposti a fermo di indiziato di delitto i due presunti autori del tentato omicidio di Alessandro Alagona 30 anni  avvenuto ieri sera intorno alle 23 di ieri. Si tratta di  Gabriel Enrique Segovia 20 anni di origini venezuelane ed Emanuele Matarazzo 42 anni, padre di Luca Matarrazzo, già sottoposto a fermo di indiziato di delitto in quanto ritenuto, insieme ad altri due giovani, responsabile dell’omicidio di Paolo Forestieri, avvenuto lunedì mattina. L’arresto è stato operato dai carabinieri di Pachino, intervenuti anche sul luogo del tentato omicidio. I presunti autori a bordo di una moto  giunti in via Tevere a Pachino hanno esploso  due colpi di fucile in direzione di una Citroen  con a bordo un cittadino algerino, proprietario dell’auto e la vittima  che ha riportato delle ferite al busto ed al capo.  Subito dopo i due uomini, con il volto travisato, sono fuggiti per le vie limitrofe facendo perdere le proprie tracce. Alessandro Alagona soccorso dal 118, è stato trasportato presso il pronto soccorso dell’ospedale di Avola le sue condizioni sono stabili e non in pericolo di vita.

I rilievi effettuati sul luogo del tentato omicidio dai Carabinieri della Stazione di Pachino e dagli Agenti del Commissariato di Polizia di Stato hanno consentito agli investigatori di ricostruire la dinamica dei fatti ed  individuare i presunti  autori del gesto. Segovia è stato rintracciato per le vie del paese mentre faceva rientro presso la propria abitazione mentre Matarazzo è stato rintracciato all’alba in un casolare abbandonato, dove si era nascosto.

Successivamente i Carabinieri di Pachino hanno rinvenuto anche la moto utilizzata per la  fuga nonché il fucile a canne mozze calibro 12 con matricola abrasa con cui sono stati esplosi i colpi.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*