Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Riscuoteva la pensione del padre defunto: scoperto dalla FinanzaSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Riscuoteva la pensione del padre defunto: scoperto dalla Finanza

Riscuoteva la pensione del padre defunto: scoperto dalla Finanza

Riscuoteva la pensione del padre malgrado quest’ultimo fosse deceduto da tempo. Una situazione che andava avanti da qualche anno e che è finita nel mirino della Guardia di Finanza di Siracusa, che, al culmine dell’operazione, denominata “Lazzaro”,  ha scoperto l’inghippo a seguito di riscontri documentali e informatici. Quest’episodio fa parte di un più articolato servizio di controllo eseguito dalle fiamme gialle di Siracusa che ha ultimato un’attività giudiziaria volta alla tutela della spesa pubblica e finalizzata a reprimere le forme di irregolarità. Le indagini sono scaturite da un’attenta analisi degli utenti che usufruiscono dell’esenzione del ticket sanitario e delle prestazioni sociali agevolate.

L’attività è stata eseguita dalle fiamme gialle della Tenenza di Priolo e Melilli, i cui militari hanno analizzato oltre 5 mila utenti cosiddetti a rischio. Si tratta di persone inserite negli elenchi dei fruitori acquisiti presso gli enti erogatori, Asp 8 in particolare, ma anche attraverso la verifica dei dati reddituali e patrimoniali di ognuno come risulti all’anagrafe tributarie e delle altre banche dati disponibili.

Dopo la prima selezione delle varie posizioni, gli investigatori sono riusciti a cristallizzare quelle per le quali erano emerse incongruenze e per le quali sono stati necessari i dovuti approfondimenti investigativi. La Guardia di Finanza ha individuato 162 persone che, attraverso raggiri e false dichiarazioni Isee, avrebbero ottenuto il diritto all’esenzione con un esborso di denaro per la Regione Sicilia per la compartecipazione alla spesa sanitaria, il cui ammontare è tuttora in fase di quantificazione ma che dalle prime indicazioni, il danno sembra proprio essere ingente.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*