Home / Se te lo fossi perso / Ambiente / Siracusa, atto d’indirizzo per la strategia “Rifiuti zero”

Siracusa, atto d’indirizzo per la strategia “Rifiuti zero”

Il Consiglio comunale ha approvato l’atto di indirizzo della Commissione, Ambiente, che impegna l’Amministrazione all’adozione della “Strategia rifiuti zero” come obiettivo che dovrà orientare le future azioni del Comune in materia di gestione dei rifiuti urbani.

Il provvedimento è stato illustrato in aula dal consigliere Gianluca Romeo: “Raggiungere entro il 2016 almeno il 40% di raccolta differenziata; stabilire un tariffario che prenda in considerazione, almeno in parte, la quantità di rifiuti prodotti dalle utenze; prevedere, come onere per la nuova aggiudicataria del servizio, la realizzazione di un Centro comunale per la riparazione e il riuso, in modo tale da poter rimettere i beni nei cicli di utilizzo; sostenere lo sviluppo di iniziative per la creazione di impianti di compostaggio, eco stazioni, impianti di selezione, impianti di trattamento a freddo dei rifiuti residui; incrementare il numero degli agenti di Polizia Ambientale; attuare campagne di sensibilizzazione per la corretta separazione del rifiuto e il giusto conferimento; avviare una mobilità più sostenibile (car-shering, pedibus), prevedendo inoltre il ripristino dei collegamenti marittimi tra la Borgata, Ortigia e Isola.

Per “Rifiuti Zero”, il presidente, Salvo La Delfa ha detto che Siracusa è la terza città che aderisce ad un progetto che coinvolge in tutta Italia circa 230 comuni.

Il Sindaco ha comunicato al Consiglio le iniziative che partiranno a breve in materia di raccolta differenziata, a cominciare dalla carta. Saranno anche intensificati i controlli, con l’aumento del personale della Polizia Muncipale, che inizialmente svolgerà funzioni più informative che repressive, per il controllo del corretto conferimento. Alla “Municipale” si aggiungeranno anche i volontari dell’Oipa. Ma la vera scommessa è legata alla premialità grazie al sistema della pesatura attraverso l’utilizzo delle “bilance” presenti nei Centri comunali di raccolta. Obiettivo il 10%”.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube