Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Siracusa, blitz in un ristorante: alimenti scaduti e carenze igienico-sanitarie

Siracusa, blitz in un ristorante: alimenti scaduti e carenze igienico-sanitarie

Un ristorante ubicato alla periferia Sud del capoluogo, è stato chiuso temporaneamente per una serie di carenze igienico-sanitarie riscontrate nel corso di un blitz operato da personale specializzato in materia annonaria della polizia Municipale, coordinati dal Vice Comandante Rosario Tona, unitamente al maresciallo Ramponi della stazione Carabinieri di Ortigia e dell’unità operativa SIAN con propri tecnici della prevenzione diretti dalla dottoressa Maria Contrino, nonché dell’ufficio prevenzione vigilanza e ispezione di Siracusa. L’intervento è stato effettuato nel corso di una serie di controlli di rito, presso l’ esercizio di ristorazione –pizzeria denominato Nonna Clorinda, ubicato lungo la via Elorina.

All’interno dell’attività veniva riscontrato il grave stato igienico in cui versa, tantè che venivano rinvenuti 15 mila litri di acqua fontalba scaduta nel marzo 2013; pezzature di carne rossa e bianca avariata; confezioni di pasta fresca posta dentro un frigo armadio ammuffita e mala odorante; sacchi di farina da kg. 30 invasi da insetti con scadenza aprile 2014; carne di varia pezzatura congelata in malo modo e irregolare senza fare utilizzo dell’abbattitore; affettati vari, uova con presenza di grossi insetti; macchinari con grasso pregresso e privi di pulizia; contenitori degli alimenti e degli imballaggi a perdere con notevoli tracce di polvere; locale sprovvisto di acqua calda.

Il proprietario non è in possesso di Scia amministrativa, di scia sanitaria , di piano di autocontrollo sulla sicurezza ambientale. Sono state elevate multe per circa 8 mila euro per illeciti amministrativi vari. Disposto anche il sequestro penale per il trasgressore perché deteneva farina invasa da insetti, pezzature di carne rossa e bianca in cattivissimo stato di conservazione. In ultimo è stato disposto anche il sequestro amministrativo in attesa delle analisi per la detenzione di circa 15000 litri d’acqua scaduta nel marzo 2013 e divieto assoluto di utilizzo dei macchinari

 

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube