Home / Primo Piano / Siracusa, campo di calcio trascurato, protesta l’Hellenika

Siracusa, campo di calcio trascurato, protesta l’Hellenika

Una situazione denunciata da anni ma che negli ultimi mesi si è fatta sempre più ingestibile. Il campo di calcio del “Pippo Di Natale” versa in condizioni spaventose, nel pieno e più assoluto degrado e rappresenta un biglietto da visita pessimo non solo per le squadre ospiti che affrontano l’Hellenika nei vari campionati di calcio giovanili, ma anche per i numerosi turisti che si trovano a passare da quelle parti visto l’adiacente Teatro Greco.

A denunciare questo stato di degrado nei confronti degli uffici comunali e più in generale dell’amministrazione stessa (il campo così come tutta la struttura non è gestita da una società ma da un referente comunale) è stavolta il presidente dell’Hellenika Nuccio Porchia. <<L’amministrazione comunale non ha preso la giusta decisione nel redigere un regolamento che evidenzia la gestione pubblica e quindi in proprio dell’impianto sportivo per la particolare tipologia che lo stesso determina nel fare effettuare la pratica sportiva. Cioè, occorrono competenze specifiche per garantirne la migliore fruibilità che oggi le figure che lo gestiscono non hanno. Noi abbiamo sempre chiesto la gestione perché riteniamo di avere le competenze, non è passata questa linea e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. La manutenzione ordinaria era costantemente effettuata quando lo gestivamo noi>>.

<<I problemi sono quotidiani e sarebbero risolvibili in poco tempo e con poche risorse: c’è uno spreco di acqua pubblica perché le vasche sono obsolete e l’acqua si disperde, mentre gli spogliatoi sono allagati, il terreno è in uno stato pietoso, le reti sono costantemente bucate, la sicurezza non esiste, le panchine sono pericolanti e arrugginite. Il cancello di ingresso è chiuso perché ritenuto pericolante e di recente un’ambulanza non è nemmeno potuta entrare nonostante ci fosse stato un infortunio grave in campo e i soccorritori hanno dovuto fare un giro pazzesco; poi ancora, tre scaldabagni rotti, i galbuli degli alberi che invadono il campo di gioco essendo praticamente a ridosso dello stesso. E’ una vergogna. Tempo fa abbiamo chiesto di abbatterli perché in quello stato non è una questione di salvaguardia di verde pubblico, meglio realizzare delle piccole siepi>>.

Poi c’è una torre faro che non funziona e fra gli altri problemi segnalati dal presidente Porchia, c’è il fatto che la sera non ci si può allenare ed è un peccato perché in molti sfruttano quella fascia oraria terminando il proprio lavoro.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*