Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Siracusa, il deputato Zappulla: “Aderisco a Democratici e progressisti”SiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Politica / Siracusa, il deputato Zappulla: “Aderisco a Democratici e progressisti”

Siracusa, il deputato Zappulla: “Aderisco a Democratici e progressisti”

Questo l’intervento del parlamentare Pippo Zappulla, che ha aderito al movimento Democratici e progressisti.

La sostanziale “mutazione genetica” che ha subito il Pd in questi anni di gestione renziana lo rende incompatibile con il nostro essere donne e uomini democratici e di sinistra. E’ una scelta che assumiamo non certo per convenienza e opportunismo ma, invece, con grande sofferenza e dopo una lunga riflessione: oggi però  non ci riconosciamo piu’ nel profilo politico, valoriale ed etico di questo Pd.

 Circa 10 anni fa diversi di noi contribuirono a fondare, altri hanno scelto successivamente di aderire, il Pd  anche nella provincia di Siracusa convinti tutti che stavamo costruendo il nuovo e moderno partito del progresso in grado di mettere insieme le migliori culture  del secolo scorso per realizzare il grande partito democratico e  riformista del nuovo secolo. Un movimento politico non dogmatico, non ideologizzato ma con i valori della sinistra democratica, del cattolicesimo popolare e solidaristico, del volontariato e dell’associazionismo laico.

In questi anni abbiamo visto invece gradualmente modificato fino a snaturare il cuore del progetto: abbiamo visto spostare l’asse valoriale verso un partito moderato e neo-centrista sempre piu’ proiettato verso un equivoco ed istinto partito della nazione. Un partito che ha scelto di scagliarsi contro i corpi intermedi della società attaccando in modo grave il movimento sindacale, che  ha spostato a partire dal Jobs act e dalla riforma della scuola gli equilibri democratici e creando lacerazioni profonde con fette storiche del nostro mondo.

Renzi  che ha preferito simbolicamente Marchionne ai lavoratori della Fiat, che ha costruito un partito tutto leaderistico considerando l’organizzazione dei circoli e dei territori sovrastrutture inutili e anacronistiche, che ha utilizzato il tema della legalità e della trasparenza ad uso e consumo spesso della convenienza del momento e del caso. Un leader che pensa di rottamare uomini e donne a intermittenza e solo chi proviene da una diversa storia e cultura politica, che confonde il giusto e necessario rinnovamento solo come una questione anagrafica.

 La gestione della recente vicenda referendaria conferma una visione  personalistica, presuntuosa, arrogante e da uomo solo al comando, compresa la cadenza data alla fase congressuale disegnata per lo piu’ come  una resa dei conti e una veloce riconferma personale che una necessaria e salutare verifica e confronto con gli iscritti per una indispensabile svolta politica e programmatica.

In questi anni abbiamo tentato di sviluppare una seria e coerente battaglia  per il cambiare dall’interno il pd : è chiaro che questo non è e non  sarà possibile peraltro alla luce di un congresso costruito ad immagine e ad interesse di Renzi e del suo cerchio magico. Il pd con questo gruppo dirigente, a nostro avviso, non ha futuro e non potrà rappresentare quel movimento e quei valori fondanti.

Per queste ragioni  scegliamo di uscire dal Pd non rinnovando la tessera (diversi lo hanno già fatto da diversi anni)   senza rinunziare a fare politica anzi rilanciando il nostro impegno, ognuno nel proprio ruolo e ambito, per cambiare e migliorare il Paese e la società. Pensiamo fondamentale costruire un movimento che faccia della democrazia e del progresso le sue parole guida, che rimetta al centro i temi del lavoro, dei diritti, della legalità. Riteniamo di condividere e di sostenere il progetto lanciato in questi giorni a livello nazionale di rifondare il nuovo centrosinistra per ridare voce e spazio ai valori e alle tematiche del lavoro e dei diritti. Ripartire dalle condizioni materiali di vita delle persone per reinterpretare un progetto di cambiamento necessario e possibile del Paese.

 Il Pd poteva essere lo strumento giusto ma la gestione di Renzi ha mortificato speranze e aspettative di molti di noi e di una parte crescente dell’elettorale di centrosinistra. Ci dispiace, quindi,  ma ormai il Pd è un altro partito rispetto a quello a cui con passione ed entusiasmo abbiamo aderito. E’ ormai un partito di centro che spesso guarda con troppa attenzione alle idee della destra economica e sociale e che poco ha a che fare con la sinistra riformista e moderna

Assumiamo, infine, questa decisione con convinzione anche se con rammarico :  perché con molti amici e compagni che scelgono di restare abbiamo sviluppato battaglie e iniziative; perché ci tengono legati valori, esperienze ed amicizia e auspichiamo di ritrovarci magari piu’ avanti in un progetto politico condiviso.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube