Home / Se te lo fossi perso / Ambiente / Siracusa – Differenziata oltre il 50 per cento, raddoppiate le sanzioni a chi sporca

Siracusa – Differenziata oltre il 50 per cento, raddoppiate le sanzioni a chi sporca

Entro la fine dell’anno il dato di raccolta differenziata nel territorio comunale supererà la soglia del 50 per cento facendo segnare un incremento di circa 10 punti rispetto alla fine del 2020. Nettamente in crescita anche i controlli, come si evince dall’ammontare delle sanzioni che subisce un’impennata di oltre l’80 per cento.
​Sono i dati forniti stamattina dal sindaco, Francesco Italia, dall’assessore all’Igiene urbana, Andrea Buccheri, e dal comandante della Polizia municipale, Enzo Miccoli, nel corso di una conferenza stampa all’Area marina protetta nella quale è stato annunciato anche l’aumento sul territorio delle telecamere per la lotta alle discariche abusive. Saranno 20 in più, sorveglieranno l’area sud – i dintorni di Cassibile e la fascia costiera – e saranno installate grazie al progetto del comitato “Pane e biscotti-Torre Ognina”, rappresentato da Elisabetta Bonaiuto, e finanziato con i fondi di Democrazia partecipata.
​Il valore aggregato di riferimento è quello misurato al 31 ottobre scorso, ma la tendenza è chiara visto che bisognerà aggiungere le quantità di raccolta degli ultimi due mesi del 2021. A quella data, il dato della differenziata è di poco oltre il 50 per cento: rispetto a un totale di 50.850 tonnellate, le frazioni differenziate ammontano a 25.640 tonnellate: al 31 dicembre del 2020, su un totale di 58.600 tonnellate i cittadini differenziavano il 41,2 di rifiuti.
​«Si tratta – ha commentato il sindaco Italia – di un valore rilavante ma che appare ancora più evidente se lo rapportiamo al 18 per cento di differenziata registrato nel 2018. Vuol dire che abbiamo avuto in tre anni una crescita di oltre 32 punti, merito che va all’assessore Buccheri e al suo predecessore Coppa ma soprattutto ai cittadini e alla sensibilità mostrata rispetto a un tema delicato per tutte le città. Aumentare la quantità di frazioni differenziate è un beneficio per l’ambiente nel suo complesso ma è importante anche per il funzionamento del nostro sistema di raccolta che ha nel conferimento della parte indifferenziata un punto critico. I ritardi nella consegna all’impianto di Sicula Trasporti, quando accadono, infatti inevitabilmente finiscono col ripercuotersi sull’organizzazione della raccolta nel suo complesso».
​Guardando alle singole frazioni, netto è il balzo dell’organico che passa di rifiuto da 5.376 tonnellate del 31 dicembre 2020 a 8.509 del 31 ottobre scorso, ciò grazie all’allargamento della raccolta porta a porta ad oltre il 90 per cento del territorio comunale. Quanto alle altre frazioni: gli sfalci passano, da 1.217 tonnellate a 1.175; carta e cartone, da 4.619 a 4.279; plastica, da 3.218 tonnellate a 3.303; vetro, 3.039 a 2.893; inerti da 1.174 a 1.635; metalli, da 89 tonnellate a 74; abbigliamento, da 337 a 394; oli vegetali da 2,49 a 2,40; Raee da 147 a 146 tonnellate. Inoltre sono state raccolte 134 tonnellate di monitor, contro 141 del 2020, e 93 tonnellate di frigoriferi contro 105.
​Il 2022 porterà un potenziamento dei controlli contro l’abbandono dei rifiuti e le discariche abusive attraverso il ricorso alla tecnologia e a una maggiore presenza sul territorio della Polizia ambientale. Una mano d’aiuto verrà dall’attivazione di 20 nuove telecamere comprate per realizzare il progetto del comitato “Pane e biscotti-Torre Ognina” e gestite dagli agenti dell’Ambientale. Queste si andranno ad aggiunger alle 14 già in possesso del Comune.
​«Un progetto particolarmente apprezzato dai cittadini – ha spiegato l’assessore Buccheri – che lo hanno votato nell’ambito del programma di Democrazia partecipata. È stato sostenuto da tutte le associazioni marinare ed è un esempio di attaccamento ai beni comuni e di tutela attiva del territorio. Una concreta collaborazione con l’Amministrazione per ridurre i costi economici dell’inquinamento ma anche per cambiare l’immagine delle strade siracusane, migliorare la promozione turistica e il decoro urbano, per eliminare i rischi sanitari e d’incendi connessi alle micro-discariche diffuse e assicurare maggiore sicurezza alla gente».
​ Contestualmente, saranno intensificati, in sinergia con la Polizia provinciale, i controlli della sezione Ambientale del Comune, che adesso può contare su un numero maggiore di uomini (fino a 16 contro i 4 di qualche anno fa) e di una nuova sede all’Area marina protetta. «Già questa scelta – ha detto il comandante della Municipale, Miccoli – è significativa dell’impegno che mettiamo per il territorio, confermato anche dai numeri. In un anno abbiamo individuato 1.361 discariche abusive rispetto alle 369 del 2020, diventate poi segnalazioni alla procura della Repubblica, e abbiamo incassato 597 mila euro di sanzioni contro le 351 mila dell’anno precedente. Ci piacerebbe parlare sempre più spesso di prevenzione e non di repressione, ma intanto i controlli restano importanti e li faremo ricorrendo sempre più ai nuovi strumenti che possono sopperire in qualche caso alla costate carenza di uomini».

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube