Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Siracusa, dipendenti comunali in agitazione: il direttore generale chiarisce

Siracusa, dipendenti comunali in agitazione: il direttore generale chiarisce

Il mancato pagamento del salario di produttività relativo all’anno 2013 al personale comunale e sul presunto “silenzio” che l’Amministrazione avrebbe tenuto nei confronti delle rappresentanze sindacali, interviene il direttore generale del Comune di Siracusa, Vincenzo Migliore, il quale ha scritto una lettera aperta, diffusa alla stampa nelle quali sono contenute alcune brevi precisazioni che permetteranno di avere una visione più completa e corretta sulla vicenda.

Come ben noto a chi si occupa di relazioni sindacali e contrattazione integrativa, la materia è disciplinata da una serie articolate e complessa di norme, in gran parte di rango legislativo, assolutamente inderogabili la cui applicazione, specie nell’ultimo periodo, nel contesto di “spending review” in cui si sono trovate ad operare le amministrazioni pubbliche per la crisi finanziaria in corso, è divenuta oggetto di costante e penetrante monitoraggio da parte della Ragioneria Generale dello Stato e della Corte dei Conti.

Coerentemente si è mosso l’organismo locale di controllo (Collegio dei Revisori dei Conti) che ha sollevato alcune questioni in sede di parere e, quindi, non permesso di sottoscrivere in via definitiva, fino alla risoluzione di quelle problematiche, l’accordo siglato con le sigle sindacali alla fine dello scorso anno.

Uno delle questioni chiave da affrontare per superare positivamente l’impasse consisteva nel completo adeguamento del contratto integrativo aziendale (CCDI) alle previsioni del Decreto legislativo 150/2009 (decreto Brunetta) e ciò ha indotto l’Amministrazione ad aprire, nello scorso mese di giugno, una specifica sessione negoziale che si è conclusa con un accordo formale sottoscritto da tutte le rappresentanze sindacali in data 30 luglio 2014.

Tale percorso è stato ampiamente condiviso con le rappresentanze sindacali che, con senso di responsabilità, hanno contribuito a definire, senza particolari lungaggini, il nuovo quadro regolatorio della materia. Superata la pausa estiva, era ragionevole ritenere che nel mese di settembre gli uffici avrebbero potuto perfezionare i documenti tecnici necessari per acquisire il parere favorevole da parte dei Revisori con il conseguente via libera ai pagamenti del personale.

Questo è quanto effettivamente accaduto e tra pochi giorni, nonostante il forte concomitante impegno cui sono sottoposti gli uffici per la predisposizione di altri provvedimenti di particolare interesse per il personale comunale (determinazione delle risorse per l’anno 2014 e applicazione delle disposizioni del decreto SalvaRoma-Ter sulle note vicende del recupero delle somme indebitamente erogate negli anni scorsi – piano del fabbisogno e relativa manovra di stabilizzazione del personale precario – completamento della prima applicazione della nuova disciplina del sistema di misurazione e valutazione della performance) all’inizio della prossima settimana per l’esattezza, la documentazione sarà formalmente trasmessa al Collegio. Come si può agevolmente apprezzare, quindi, l’Amministrazione sta rispettando pienamente gli impegni assunti e di ciò, peraltro, ha informato costantemente le rappresentanze sindacali, nelle continue interlocuzioni che la Direzione Generale del Comune ha avuto, nelle scorse settimane, con i vertici delle organizzazioni sindacali.

Non si comprende, quindi, di quale “silenzio” dell’Amministrazione si parli a meno che non si continui a rievocare rituali del passato privi di concreto significato operativo che, in realtà, questa Amministrazione, d’intesa con le rappresentanze sindacali, pensava di avere superato per sempre.

Concludendo, fermo restando il diritto delle organizzazioni sindacali a non condividere singole scelte di politica del personale dell’Ente e glissato, altresì, su populistici ed impropri collegamenti tra problematiche ed iniziative assolutamente distinte, questa Amministrazione auspica la ripresa di un confronto costruttivo con le rappresentanze sindacali (l’occasione si avrà sin da subito con un incontro la cui data sarà resa pubblica nelle prossime ore) sui molteplici temi che riguardano le risorse umane ed il funzionamento complessivo della macchina comunale che, a breve, dovrà condurre all’adozione di altri impegnativi atti che avranno importanti refluenze sul personale dell’ente.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*