Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Siracusa: la “Sea Watch3”, la passerella politica e la bandiera della spazzaturaSiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Siracusa: la “Sea Watch3”, la passerella politica e la bandiera della spazzatura

Siracusa: la “Sea Watch3”, la passerella politica e la bandiera della spazzatura

 

Esiste il sentimento della volontà di aiutare a tutti i costi, gli immigrati, ed è comprensibile, ma quando i nessi sono più complessi e l’ostilità si alimenta verso la strumentalizzazione del fenomeno degli immigrati si rafforza esasperando la scena del teatrino politico con insistenza, convinti che il popolo non percepisce parte della verità in campo, allora diventa grave.

Tra quella passerella in contrada “Stentinelo” a Targia per la vicenda della Sea Watch3 c’erano tanti aspiranti candidati alle prossime elezioni europee, e già questo basta e avanza per pensare male, e non fa nessuna impressione che da certa Sinistra arriva la replica, in fotocopia, dopo l’arrembaggio alla nave degli immigrati con un gommone dell’unione politica provvisoria formata da pezzi di Forza Italia e di un colorato arcobaleno politico variegato. Questione politica sempre più ricorrente. In realtà i politicanti di professione cercano nel mercato delle opinioni quelle che di volta in volta sono più adatte a suffragare le loro posizioni e ingannare il popolo nel tatticismo della rivoluzione in campo che non connota identità, ma solo interessi di bottega cercando negli immigrati il tipico capo espiatorio. Ma, ironia della sorte, il destino ha voluto che tanti big della politica nazionale, troupe televisive e testate giornalistiche di tutto il mondo, inviati speciali e semplici curiosi si siano imbattuti in una discarica a cielo aperto lungo la strada percossa per recarsi a montare la sceneggiata su quegli scogli in riva al mare. Un girone infernale formato di rifiuti d’ogni genere e natura, tanto pericoloso amianto (e non solo in quella zona, ma in tutta la città di Siracusa), per raccontare insieme alla cronaca come chi amministra la città di Archimede cura la raccolta della spazzatura. Fortuna che c’era anche il capo dell’amministrazione comunale di Siracusa, Francesco Italia, così, forse, si sarà reso conto di come stanno le cose nella città che lui amministra già da oltre cinque anni.

Concetto Alota

 

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*

RSS
Follow by Email
YouTube