Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Siracusa nella carta d’identità l’o.k. all’espianto organi

Siracusa nella carta d’identità l’o.k. all’espianto organi

“A breve anche a Siracusa sarà possibile indicare nelle carte d’identità la declaratoria di autorizzazione all’espianto degli organi, riducendo quindi i tempi burocratici adesso necessari. Un grande segnale di generosità e di solidarietà che i familiari di Stefano Dell’Aquila hanno dato 20 anni fa nelle ore della grande disperazione per la perdita di un figlio avvenuto in maniera così traumatica”.

Lo ha detto l’assessore Teresa Gasbarro stamani, nell’area verde di via Padova a lui intestata, intervenendo a nome dell’Amministrazione alla cerimonia di rievocazione della morte del giovane pugile Stefano Dell’Aquila, avvenuta il 19 novembre del 1995. Dell’Aquila, giovane speranza della boxe siracusana, si era sentito male dopo un allenamento. A nulla erano valsi i tentativi di salvarlo: nel giro di poche ore la morte e il gesto della famiglia che autorizzò immediatamente l’espianto di diversi organi, avvenuto a Catania.

Oggi, a ricordarlo insieme ai familiari, Fabio Rotondo e Francesco Candelari, presidente e vice presidente del quartiere Santa Lucia, le associazioni Aido e Astrea, i tanti amici, ma soprattutto Maurizio Pintus, l’uomo che ha ricevuto il cuore di Stefano.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*