Home / Primo Piano / Siracusa, presentata la squadra in memoria di Manuel Puglisi

Siracusa, presentata la squadra in memoria di Manuel Puglisi

Presentata l’associazione sportiva dilettantistica BIG-M di Siracusa. A fare gli onori di casa, insieme al presidente Tiberio Puglisi, ai dirigenti Gaetano Basile e Osvaldo Amodeo e al medico sociale Gaetano Gibellino, anche l’assessore allo Sport del Comune di Siracusa Maria Grazia Cavarra che ha immediatamente guardato con favore alla nascita del sodalizio «perché gli obiettivi che qui si vogliono perseguire sono perfettamente in linea con le potenzialità formative e l’utilità sociale dello sport» ha detto la rappresentante del governo locale.

Dall’idea di un gruppo di amici desiderosi con la creazione di una squadra di calcio a 5 amatoriale di ricordare per sempre il giovane Manuel, figlio del presidente Tiberio Puglisi, scomparso a soli 17 anni, alla volontà di mettere in piedi una scuola calcio. Nasce così la Big-M che seppur ultima arrivata nel palcoscenico del settore giovanile può comunque fare affidamento sulla lunga esperienza dei propri vertici tecnici. «Concretizziamo ancora quel sogno iniziale, cioè perpetuare la memoria di Manuel – ha spiegato lo stesso Tiberio Puglisi – e continueremo in questa opera facendo adesso da supporto ai più piccoli tramite un’associazione affiliata alla Figc. Guardiamo esclusivamente ai veri valori educativi e sociali».

«Il nostro obiettivo? Aiutare il bambino a scoprire le proprie potenzialità motorie e a utilizzarle al meglio – ha detto il dg Gaetano Basile – Siamo consapevoli delle difficoltà che incontreremo in ambito calcistico giovanile che nella maggior parte dei casi si muove ad imitazione del calcio adulto ma l’errore è non provarci. Michelangelo diceva che ogni blocco di granito o marmo contenesse già la statua e che compito dello scultore fosse quello di tirare fuori il superfluo cercando di non rovinare il contenuto. Pensavo che questa frase potesse raffigurare l’intervento di un istruttore con i giovani ma mi sbagliavo. Nel nostro caso, il contenuto non è inanimato ed è il giovane stesso a doversi liberare del superfluo e migliorare il contenuto, se possibile, sotto l’attenta guida dell’istruttore che sarà tanto più incisiva quanto favorevoli saranno le condizioni da lui create. Lo sforzo sostenuto dal giovane per prendere coscienza delle proprie possibilità, liberarsi dal superfluo – e svilupparle – migliorare il contenuto – sono le caratteristiche fondamentali del progetto formativo che proponiamo».

La Big-M parteciperà alle attività di base e al prossimo campionato giovanissimi; il via è previsto lunedì 15 settembre presso il centro sportivo “Nuova Aurora” di viale Epipoli e si aprirà con due settimane di prova gratuita «semplicemente per conoscerci – ha aggiunto il ds Osvaldo Amodeo – cominciando così il percorso che ci accompagnerà per tutta la stagione. Gioco-sport e formazione, è questo lo slogan che abbiamo scelto. Linee guida che metteremo in pratica creando per i nostri piccoli, uno spazio educativo equilibrato insegnando loro a condividere le regole, le emozioni, le passioni nel rispetto delle capacità individuali».

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*