Google+
Ultime Notizie
I volontari che hanno partecipato alla pulizia della spiaggia Serra all'Isola Maddalena.

Spiaggia Serra, i volontari raccolgono oltre 4 tonnellate di rifiuti

Più di cinquanta volontari, coordinati dal comitato Pickinup, hanno ripulito la spiaggia Serra in via Isola Maddalena. Armati di tanta volontà si sono dati appuntamento alle otto di mattina e hanno raccolto in quattro ore di attività più di 25 sacchi di plastica, 40 sacchi di indifferenziato, vetro, carta, tante reti da pesca e mulinelli, contenitori e fili utilizzati per la coltivazione dei mitili, parafanghi, sellini, RAEE, pmeumatici, scarpe, siringhe, accendini, tubi di gomma, cicche di sigaretta e tanto altro.  La pulizia non ha riguardato solamente la spiaggia ma anche il bordo strada e la zona dei contenitori per la raccolta dei rifiuti.
E’ stata una mattinata di festa che ha visto, tra gli altri, anche la partecipazione di tanti ragazzi come quelli del Liceo Corbino che sono stati coordinati da una mamma volontaria e come i ragazzi in attesa del diritto di asilo del Centro di Prima Accoglienza “Residence L’Arcobaleno”
Questa pulizia della spiaggia Serra è il secondo intervento che il comitato Pickinup ha organizzato dopo la pulizia avvenuta solo qualche settimana fa della spiaggetta delllo Sbarcardero di Santa Lucia (Riva Porto Lachio).
Prima di conferire i rifiuti ad IGM i volontari hanno provveduto alla loro classificazione utilizzando il protocollo di campionamento e classificazione dei rifiuti marini (marine litter) spiaggiati in un tratto di costa. I dati raccolti vengono analizzati e poi inviati all’Associazione Marevivo in modo che possano essere convogliati su un database nazionale e in seguito alla Commissione Europea per una successiva analisi.
Soddisfatti gli organizzatori dell’azione Maria De Filippo, Salvo La Delfa, Walter Silvestrini, Salvatore Ferrara, Emma Schembari, Sergio Failla, Gabriele Bongiovanni, Ivan Scimonelli. Salvatore Ferrare, presidente del Comitato: “Continueremo con queste azioni e desideriamo coinvolgere il più possibile i diportisti affinché abbiano un comportamento corretto e rispettoso nei confronti del mare e dell’ambiente”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*