Warning: Declaration of tie_mega_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args, $id = 0) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $data_object, $depth = 0, $args = NULL, $current_object_id = 0) in /web/htdocs/www.srlive.it/home/wp-content/themes/jarida/functions/theme-functions.php on line 1904
Coronavirus, Gennuso: “Pochi 19 posti letto di terapia intensiva”SiracusaLive | SRlive.it
Home / Se te lo fossi perso / Coronavirus, Gennuso: “Pochi 19 posti letto di terapia intensiva”

Coronavirus, Gennuso: “Pochi 19 posti letto di terapia intensiva”

Appena 19 posti di terapia intensiva in provincia di Siracusa sono insufficienti per fare fronte all’emergenza Coronavirus. Dobbiamo mettere in conto che, prima o poi, si manifesti nel nostro territorio ed è per questo che insisto con il governo regionale a modificare il quadro regionale dei posti letto per prevederne dai 5 ai 10 in più”. Il deputato regionale Pippo Gennuso interviene sulla questione Coronavirus. “Per prevenire l’ipotesi non remota di un incremento dei casi di contagio anche dalle nostre parti – afferma – bisogna intervenire con la massima sollecitudine. Il governo Musumeci deve disporre uno straordinario progetto per dotare i nostri ospedali di maggiori posti letto in rianimazione e terapia intensiva. In questo caso credo sia ormai irrinunciabile puntare con decisione sull’ospedale Trigona di Noto che già è predisposto a ospitare i posti letto per terapia intensiva. E non basta, come sembra, prendere l’ospedale di Noto come eventualità, un’ultima carta da giocarsi. Il Trigona deve tornare ad essere considerato nosocomio importante e di primissimo piano perché abbraccia un bacino d’utenza che va anche oltre la zona sud della provincia aretusea e perché possiede tutte le potenzialità perché torni a essere peculiare nel sistema sanitario. Non accettiamo, quindi, alcun ruolo di ripiego per l’ospedale netino, che, al contrario, deve rientrare da subito in un programma organico e funzionale della rete ospedaliera regionale. Per quanto ci riguarda, continueremo a batterci e, se è il caso, siamo pronti a mobilitare i cittadini della zona sud, stanchi di non essere considerati alla stessa stregua di tutti gli altri siciliani”.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*