Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Ex Tonnara Santa Panagia, lunedì la consegna dei lavori

Ex Tonnara Santa Panagia, lunedì la consegna dei lavori

I lavori per il recupero ed il restauro della vecchia tonnara di Santa Panagia saranno formalmente consegnati domattina. L’appuntamento è fissato per mezzogiorno presso la biblioteca “Paolo Orsi” della sede della Soprintendenza beni culturali di Siracusa, dove  si terrà una conferenza stampa in presenza dell’assessore regionale dei beni culturali onorevole Giusy Furnari e del dirigente generale ing. Salvatore Giglione, nel corso della quale si provvederà  alla consegna  dei lavori del progetto “interventi per il restauro e sistemazione museale della tonnara di santa panagia”.
Saranno presenti altresi’ il responsabile unico del procedimento dott. Salvatore Longo, la direzione lavori arch. Giuseppe Armeri e la ditta aggiudicataria Melita Group.
il decreto di finanziamento dei lavori di restauro e sistemazione museale della Tonnara di Santa Panagia è stato sottoscritto dall’assessore alla fine del giugno scorso. Lo stanziamento da parte della Regione Sicilia è di 11 milioni di euro complessivamente.
Dal 2006 è stato lungo e tortuoso l’iter per il finanziamento dell’opera. I fondi furono predisposti nell’ambito degli interventi Fesr per il “Recupero e la fruizione del patrimonio culturale e ambientale” della programmazione “Por Sicilia 2000-2006”. Il primo progetto di restauro e di realizzazione di un Museo del Mare alla Tonnara sembrava pronto a partire nell’estate del 2006, con tanto di gara d’appalto avviata. Un ricorso al Tar, presentato dall’Ance, l’associazione dei costruttori edili, comportò la sospensione del bando, decisa dal tribunale amministrativo con una sentenza del 2009. Il passaggio successivo è stato quello al Cga. Il consiglio di giustizia amministrativa di Palermo, esaminando le ragioni della Soprintendenza ai Beni Culturali di Siracusa, che si era appellata alla sentenza del Tar, annullò quel pronunciamento, consentendo il riavvio dell’iter relativo alla gara d’appalto.  Fu, però, l’assessorato ai Beni Culturali a fermare, nuovamente, due anni dopo, il percorso. Nuova sospensione, in attesa di verificare la disponibilità del finanziamento.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*