Home / Se te lo fossi perso / Attualità / Infermieri siracusani in audizione in commissione Affari Sanitari

Infermieri siracusani in audizione in commissione Affari Sanitari

Presso la VI Commissione Affari Sociali e Sanitari sono state accolte e discusse le istanze dell’ordine professionale degli Infermieri della provincia di Siracusa in merito agli incarichi in scadenza, e non rinnovati, del personale sanitario e amministrativo, dell’ulteriore carenza di organico infermieristico. Nell’audizione è stata ribadita la grave condizione professionale e lavorativa degli infermieri nell’ambito dell’erogazione dell’assistenza sanitaria e l’incremento del rischio clinico derivante dal numero ridotto di infermieri. E’ stato evidenziato come attualmente negli ospedali dell’ASP non vengano garantiti i Livelli Essenziali di Assistenza e come gli infermieri in servizio in molte Unità operative non raggiungano il numero minimo stabilito. La delegazione ha avuto modo di confrontarsi con i parlamentari Zito, Vinciullo e Sorbello e di avere delle risposte dal funzionario regionale, Capo di Gabinetto Lo presti, il quale ha dato comunicazione che già domani saranno esitate le nuove line di indirizzo regionali sulle dotazioni organiche. Il Direttore Sanitario Madeddu, è intervenuto in merito agli amministrativi e il Direttore Generale, Brugaletta, riguardo degli infermieri e degli altri professionisti sanitari del comparto: entrambi hanno espresso la certezza del rinnovo di tutti gli incarichi, affermando senza ombra di dubbio l’inesistenza di problemi ostativi, per ulteriori sei mesi.

Sull’insufficiente intervento aziendale, solo 20 incarichi per consentire la fruizione delle ferie estive al personale infermieristico; è stata rimarcata l’inadeguatezza del provvedimento in considerazione di 1040 infermieri, distribuiti in cinque ospedali, che devono usufruire delle ferie estive come da contratto. Il rappresentante dell’IPASVI, Sebastiano Zappulla, ha ribadito la propria posizione morale e deontologica in ragione della quale non accetta da parte dell’assessorato ricadute di responsabilità su quanti non svolgono più attività assistenziale, emersa durante un precedente tavolo tecnico, ed ha proposto le soluzioni atte a dirimere la questione.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*