Home / Se te lo fossi perso / Cronaca / Melilli, atto intimidatorio contro il vice sindaco

Melilli, atto intimidatorio contro il vice sindaco

Nuovo atto d’intimidazione ai danni di un amministratore pubblico locale. Dopo i casi ddei consiglieri comunali di Lentini e di Priolo Gargallo, questa volta ad essere stata presa di mira è il vice sindaco del comune di Melilli, Arcangela Palmieri. Ignoti attentatori, infatti, hanno appiccato l’incendio alla sua vettura.

“Ancora un intimidazione contro un rappresentante degli enti locali e ancora ai danni di una donna – dice il parlamentare nazionale Pippo Zappulla – Chiedo alle forze dell’ordine – su cui nutro grande fiducia – che garantiscano il massimo impegno per fare luce su tutti gli attentati che negli ultimi mesi hanno intorbidito la politica della provincia di Siracusa. Esprimo ancora una volta solidarietà nei confronti dell’amministratrice melillese e la esorto ad andare avanti nel suo lavoro senza farsi intimorire dai balordi che con questo vile gesto hanno tentato di condizionare il suo lavoro e la sua azione politica”.

“Esprimo tutta la mia solidarietà al vicesindaco di Melilli Arcangela Palmeri vittima dell’ennesimo atto criminoso che condanno fermamente e come ho già fatto ai consiglieri Arangio e Mazzilli”. Così l’On. Sofia Amoddio deputato nazionale PD. “Nell’ultima settimana abbiamo assistito impotenti a tre attentati gravissimi: prima la consigliera di Priolo Patrizia Arangio, poi il consigliere di Lentini Ugo Mazzilli e infine questo”. “Un’escalation di violenza e intimidazione che va fermata al più presto”. “Questi episodi non possono e non devono passare sotto silenzio”. “Non si può ipotizzare nessuna pista, non tocca ai politici farlo, ma alla magistratura nella quale confidiamo apertamente”. “Nessuna tensione, nessuna scelta politica, nessuna diversità di opinioni 
può dare luogo ad atti simili che sono semplicemente delinquenziali e severamente da condannare soprattutto se dovessero mirare  a bloccare il libero pensiero democratico”. “Confido dunque nel lavoro delle forze dell’ordine per assicurare alla giustizia i colpevoli”.

Informazioni su Redazione

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*